Ancora donne


Sono finita nel baratro delle donne.

Le ho evitate per anni, facevo parte di quelle che si vantano di avere quasi tutti amici uomini, quasi fosse una dimostrazione di intelligenza, un modo per dire: ehi, non confondetemi, io sono un altra cosa da “quelle”.

A mia discolpa l’essere stata allevata da sessantottine e femministe, da donne che con coraggio erano “altro” dalle genitrici, che avevano scelto di essere responsabili delle proprie scelte – ed il gioco di parole è voluto.

Non so cosa sia successo. A poco a poco gli uomini si sono diradati attorno a me, non ho sentito più quella vicinanza e quella complicità che mi legava a loro anni fa,  ed ecco che mi scopro vicina alle donne. Però….

Però rimane la sensazione che “le donne” prendano troppo sul serio le relazioni sentimentali. Non posso farci nulla, è più forte di me, sotto questo aspetto ancora fingo di essere “altro”. Perchè io il cervello non me lo sono fumato,  no, io me lo sono giocato ai dadi e credo anche di averlo perso…. non ho ancora verificato.

Credo che esista  una sostanza che il nostro corpo secerne quando siamo interessate ad un uomo, la secerne, va in circolo e si deposita nel cervello. Più è interessante più secerniamo più il cervello va fuori uso.

Il detto comune qualche anno fa era che l’uomo era in crisi… credo che il detto vada cambiato. Siamo noi donne ad essere in crisi. Di brutto.

Annunci

2 commenti »

  1. erika said

    già. Bruttissima crisi quella delle donne. Mi sto perdendo…Vedo in loro comportamenti che non concepisco. Fraintendimenti di ciò che è realmente essere donna. Non comprendo come, ma alcune hanno frainteso la storia della parità dei sessi, traendo il peggio dai comportamenti maschili, ovviamente dotandoli di quell “allure” tipicamente femminile.
    baaaah……
    Neanche io ho avuto molte amiche donne. Ma col tempo, facendo le giuste cernite, ti rendi conto che l’amicizia femminile è molto rara. Non sò che dirti, quell’insano senso di competizione che ogni donna ha con le altre. Con gli uomini non esiste. Non si gioca a essere le migliori.
    Le donne, purtroppo, non hanno imparato ad essere solidali tra loro. Peccato, perchè hanno solo da arricchirsi. Una donna ha sempre una marcia in più.

    ciao

    🙂

    Mi piace

  2. tasti said

    Mi son un pò persa anch’io, la nuova generazione mi pare per molti versi quella di mia nonna, come se non ci fosse stato nulla nel frattempo, meno che mai le tensioni degli anni settanta, le conquiste culturali di quegli anni perchè cavolo io nei libri di scuola ho letto del vietnam, dell’inquinamento, dell’effetto serra, degli ambientalisti, mi sono formata a scuola con insegnanti -soprattutto donne- straordinari. (Parlo di quei libri accusati da Storace e Formigoni di essere stati scritti dalla sinistra…)
    liberà sessuale? no, non era che potevi uscire la sera e farti scopare dal primo che te lo chiedeva, era sesso consapevole, senza tabù, senza contrattazione, si chiamava sana scopata liberatoria, non la sbattuta squallida post aperitivo.
    Era il mondo disegnato da un bambino, in cui ai perchè dovevi dare una risposta: “papà perchè vai in iraq?” rispondere ad un bambino è difficile, quello che gli dirai non verrà contestato, la risposta che gli fornisci sarà per lui quella giusta almeno finchè non imparerà a cercarsele da solo… “perchè vorrei che lì ci fosse la pace” non stupitevi se il giorno dopo darà un pugno a qualcuno con cui… voleva far pace.
    Le donne si sbarazzavano della verginità ai miei tempi, ingombrante verginità, vomitavano ad un solo accenno di romanticismo, non si facevano accompagnare a casa. E’ rimasto solo quest’ultimo punto: non ti riaccompagnano a casa. E noi?
    E noi non sappiamo più chi essere. Il famoso uomo in crisi (quello che vent’anni prima era felicissimo di avere a casa una donna-mamma-madre e nelle case chiuse una donna-puttana-amica) doveva riuscire a mettere in una sola donna quanto era stato dall’alba dei secoli diviso: io per te voglio essere mamma e puttana. L’abbiamo distrutto. Il tono è ironico? Forse.
    e nel lavoro non abbiamo saputo fare di meglio che scopiazzare gli stereotipi maschile, il celodurismo, e poichè facciamo tutto meglio… a carognate non abbiamo rivali certo negli uomini!
    Ma quelle donne che non sono così, quelle che hanno una testa ed un cuore ed un corpo, quelle che sono figlie di questa storia, che continuano il discorso, le mie sorelline minori, quelle che noncelannoduroperniente… quelle che sono indifese perchè il cuore se lo giocano davvero in ogni momento…

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: