Nodo di Hartman e Radon


Università di Heidelberg,il prof. Ernst Hartmann scopre che su tutta la superficie terrestre dal sottosuolo alla biosfera, c’è un invisibile reticolo formato da bande di radiazioni telluriche larghe circa 21 cm. Queste bande si intersecano ogni 2 m. nella direzione Nord-Sud ed ogni 2,5 m. in quella Est-Ovest, e formano un vero e proprio reticolo a cui è stato dato il nome del suo scopritore cioè rete di Hartmann. Conosciuti oggi come nodi geopatogeni questi lughi si caratterizzano da vegetazione malata, gatti neri, funghi, e sono estremamente nocivi per gli esseri viventi in genere…. e si dice venissero scelti per i sabba.

Da giugno scorso vivo in una casa che è un piccolo angolo di paradiso a verona, un vicolo dall’aria malfamata, un po’ bohemien, un portico a volta, una corte splendida che nonna Maria cura con devozione.

Il mio amore per le piante è conosciuto. Ci amiamo al punto tale che pare mi siano grate per averle piantate e il più me lo risparmiano, crescono rigogliose col minimo impegno…. di norma.

Nel mio paradisiaco angolo veronese no.

E da qualche mese ho capito: siamo sul nodo. Il gatto nero c’è. Le formiche pure. Il fungo dal diametro di 18-20 cm pure. La muffa, ovvio. E se non ci credete….. sabato mattina ho comprato n° 4 piante di fiori, le ho posizionate nell’angolo esterno migliore per esposizione, tra queste un girasole che se non lo sapeste è una pianta particolarmente resistente…. ore 13.00.

Ore 16.00  quattro foglie sono del girasole risultano accartocciate. Il geranio (il geranio!) ha assunto una strana posizione sbracata.

Ore 23.00 solo due foglie del girasole mantengono il loro aspetto. Il geranio ha quasi tutte le foglie inferiori giallognole.

Ore 8.30 del giorno dopo. Il girasole non gira più e pare voglia comunicarmi le sue ultime volontà.

In poco più di 12 ore gli è passata la voglia di vivere.

… magari la bioarchittettura non è attendibile e i nodi di Hartman solo fantageologia…. ma devo preoccuparmi per qualche emanazione di Radon dal sottosuolo? 

da un’opuscolo sui pericoli delle emissioni di gas:
Gas di origine radioattiva, inodore, icolore, insapore 8 volte più pesante dell’aria. si concentra nelle falde acquifere e nei luoghi chiusi a contatto col terreno. La concentrazione di radon in un’area è molto variabile e dipende sia dalla quantità di uranio contenuto nelle rocce (da cui si genera il radon), sia dalla presenza di altri gas, come la CO2 che lo trascina con sè verso la superficie. Inoltre, il radon può raggiungere elevate concentrazioni all’interno delle abitazioni, anche in mancanza di emissione di gas dal suolo, se i materiali costruttivi usati sono rocce ad alto contenuto in uranio. Il rischio da radon si manifesta a lungo termine. Se respirato a lungo per concentrazioni elevate può provocare il tumore polmonare del quale rappresenta, a scala mondiale, la causa principale dopo il fumo

Segnalare con la massima urgenza al comune di appartenenza

la presenza di situazioni potenzialmente pericolose

per la salute pubblica, come:

• presenza di animali morti senza motivi apparenti.

ingiallimento e repentino appassimento di alberi e piante, o

impossibilità di attecchimento e crescita di erba, colture e piante in giardino

o in terreni agricoli.

L’osservanza di queste semplici raccomandazioni può

aiutare a convivere con il rilascio anomalo di gas e a

prevenire situazioni pericolose ad esso connesse.

 

randon

… scusate l’ignoranza… ma quella macchietta nel veneto corrisponde a casa mia?

Annunci

15 commenti »

  1. Mariottola said

    solo perché ti è morta qualche pianta e non SAI ACCENDERE IL BRUCIAESSENZE?!?!?! ma no dai… :DDD

    Mi piace

  2. tasti said

    Non mi è morta qualche pianta… mi sono morte tutte, da giugno ad oggi, non se n’è salvata UNA, o è radon o è il nodo! Miscredente.

    Mi piace

  3. annina said

    però però….cara Tasti, avendo abitato per ben 4/5 anni in quel bell’angolo di paradiso a parte l’umidità, mi permetto di osservare che a me le piantine sono sempre cresciute bene (..chiedere alla vicina con marito pazzo per conferma)…e che se non sbaglio, sul davanzale di quella che dovrebbe essere l’ex finestra ormai sulla terrazza, c’è una piantina fotonica che ti ho lasciato come regalino, e che ormai vive lì da ben 4/5 anni….. ci devi parlare alle piantine, cure amorevoli, e spostarle poco…….Buona cioccolata!

    Mi piace

  4. tasti said

    Anninaaaaaaaa…… va bene, vuol dire che ho perso il pollice verde e ke la voce è girata tra le piante, tanto che, se comprate da me e sapendo il triste destino che le attende, preferiscono una morte veloce e indolore. La finestra c’è ancora e la tua fotonica pianta continua a gettare un campanellino ogni due settimane…. io una misurazione delle emissioni di gas la farei… mi manchiiiiii, mi sa che la nuova conqui un po’ paga per aver preso il tuo posto… a quando il tuo blog? sssmmak. 🙂

    Mi piace

  5. annina said

    ma rispondi alla velocità della luce!!! per ora nessun blog…per il radon di solito il problema è per i piani che appoggiano direttamente sul suolo..e non è il nostro caso…. io mi concentrerei sull’umidità da paura…mi mancate tantissimo, la nuova conqui se lo deve conquistare il posto…. Amen!…..Baci&baci

    Mi piace

  6. tasti said

    anche tu però non scherzi a velocità…. (vengo avvisata quando arriva un nuovo messaggio)
    La cosa non quadra ugualmente, coltivo piante da fiori e da frutta da anni, piselli,fave,cipolle,lattughe,melanzane,peperoni, e non so più cosa… mai successa una roba del genere! le sposto di continuo? e certo: non hanno la parola ma lo fanno capire eccome che non vogliono stare assolutamente là! Gli unici posti dove stanno bene sono: angolo destro del tappeto – se la sposti a sinistra le foglie si bucano – davanzale della finestra del salotto – ma non tutte hanno gradito- e davanzale della cucina -interno per quanto riguarda salvia e basilico- l’esterno che a te dava tante soddisfazioni… a me no. Ti abbraccio: inizia la riunione!!!

    Mi piace

  7. certo che se sei proprio sopra quella macchiolina marrone….beh complimenti per la sfiga! 😛

    Mi piace

  8. tasti said

    @ capitanmongozo: sfigata io…?! a quarant’anni co.coeggio ancora e mi chiedi se sono sfigata? Non sono mai riuscita a vedere più di cinque minuti di un qualunque film di Fantozzi senza piangere, mi rivedo, rivedo le mie cadute, i pali in mezzo alla fronte… la nuvoletta (con fulmine)… la suola che divorzia dalla scarpa il giorno in cui il primo ragazzo viene a prenderti all’uscita di scuola…
    La sfiga è una scienza esatta.
    I misuraradon dove si comprano?

    Mi piace

  9. sempre sul tema…la fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo…ok, frase abusatissima (vedasi diari scolastici di lupo alberto..) ma sempre vera.

    Mi piace

  10. Lorenzo said

    il misura-radon altro non è he un contatore geiger, che misura le emissioni gamma (particelle “sparate” a energia elevata dall’atomo di radon che decade per radioattività.
    Ci sono alcune ditte di analisi ambientale che lo possiedono, forse ti conviene provare a contattarne qualcuna ma se non abiti al piano terra non dovresti preoccuparti + di tanto i.m.h.o.

    Mi piace

  11. tasti said

    @….Lorenzo…. è morto anche l’albero posto all’esterno della casa. Se non è radon allora torno all’ipotesi del nodo di hartman o comincio a pensare al malocchio?
    e…. che cosa significa i.m.h.o.?
    🙂

    Mi piace

  12. anna lisa demi said

    Sono interessata alla verifica di eventuale concentrazione radon nella mia abitazione in Livorno, Via Bat-Yam 25 dal momento che da circa due anni si sono verificate situazioni riconducibili alle già note e denunciate.

    Mi piace

  13. tasti said

    @Annalisa… credo tu possa telefonare all’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) e chiedere a loro, trovi il tel al
    http://www.arpat.toscana.it/sedi/livorno/index.html
    io ancora non ho risolto il problema, ma le mie piante adesso sopravvivono perchè adesso non le annaffio più: le allago, credo che l’acqua le protegga. Non potendo vivere in una vasca da bagno io invece non sono protetta, ma non trovo nessuno per far le misurazioni.
    buona fortuna

    Mi piace

  14. giusi said

    buona sera….anzi salve!
    sono a conoscenza del problema (nodo d H.)
    ma solo però da pochi mesi cerco di avere altre informazioni sul problema…. devo dire che sono varie e diverse le ipotesi e le documentazioni…alcune alquanto deterrenti altre alquanto discordanti….sono inoltre a contatto con persone che studiano la cosa e ne parlano da almeno un decennio….posso però dedurre che studi e testimonianze confermano (senza far troppi nomi) l’esistenza di tale problema….non mi permetto di dare informazioni errate o allarmare chicchessia ma di riportare cose lette e discusse…. non sappiamo forse se tutto ciò che viene immesso sui canali informativi corrisponde a verità o magari la veritò e che non possono dare tante informazioni…( è solo un mio pensiero) ma nel dubbio preferisco dire che se c fosse anche una sola possibilità che il nodo d H produce o può causare danni alla mia salute, preferisco proteggere me stessa, non trovo sicuramente controindicazioni….. grazie.

    Mi piace

  15. […] […]

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: