Io, cattolica


Questo post esce da uno scambio di opinioni, ma non solo
In realtà nasce da molto di più, dall’attacco alla mia spiritualità e alla mia religione che affronto ormai da ottobre scorso
Ricordo bene la data, si, perché entrai a far parte di un’associazione di volontariato che non era un’associazione di volontariato ma una setta
Poi a novembre ci riprovai e andai ad un’altra associazione di volontariato che non era un’associazione di volontariato ma una setta
Ho provato a sollevare il problema della riconoscibilità delle associazioni e posso dire che la cosa pare non riguardare nessuno
Per qualche strano motivo continuo a incontrare newager che ovviamente mi compiangono abbondantemente perché sono cattolica e basta… si perché oggi si può essere cattolico-buddista-newager senza trovare alcuna contraddizione in ciò. Mi sta bene, libera io liberi voi, ma ditelo. La presa per il culo no, non la faccio passare a nessuno, questione di indole
Sono cattolica, non ne sono fiera né me ne vergogno perché è della mia spiritualità che stiamo parlando e di ciò non si fa rapporto di relazione con gli altri, è la mia spiritualità
Sono cattolica e mi sento parte della mia comunità, restate sconvolti: non mi crea problemi di fede sapere che all’interno della mia comunità ci sono assassini, pedofili, mafiosi, e quant’altro, mi crea problemi morali, mi crea problemi civili, mi crea problemi con la gerarchia ecclesiastica, mi crea gli stessi problemi che mi crea l’essere siciliana, italiana, umana. L’umanità è costituita da un numero discreto di bastardi, non mi può porre problemi di appartenenza la loro esistenza, mi deve creare problemi legislativi, civici, morali. Non abdico dalla mia umanità come non abbandono la mia spiritualità per colpa di bastardi
Non mi faccio buttare fuori dai bastardi.
Lotto da una vita perché siano loro i perdenti
Non sono mai scesa a compromessi e pago ogni giorno per questo, non è un modo di dire,
è la mia vita, garantito che il prezzo per non scendere a compromessi è molto alto.
Non mi si venga ad accusare per la mia spiritualità e per la mia appartenenza ad una chiesa
Non mi si chiami connivente perché m’incazzo abbondantemente
Che la chiesa debba restare fuori dalle scelte politiche siam tutti d’accordo. Che la si imbavagli no, il suo ruolo di comunità glielo si conceda, strafottetevene di quel che dice il Papa ai suoi fedeli, non votate i cattolici per la gestione del paese, perché la vedo dura che un cattolico possa separare la morale dalla vita, l’etica dalla pratica. La vedo dura che un islamico, che un newager, che un israelita, che un animista possano separare la morale pubblica dalla spiritualità privata
Nei paesi occidentali non c’è l’effettiva distinzione tra politica e religione all’interno del pensiero individuale, magari nelle istituzioni qualche distinguo l’abbiamo fatto e tanti altri vanno fatti. Ma non perché la religione è sporca e cattiva, no, questo non lo faccio passare
la religione nasce per regolare la società su norme avallate da un legislatore incontestabile, vorrà sempre interferire e dire la sua incontestabile opinione, è la sua natura. Lo Stato ha l’obbligo di non farsi influenzare dalle religioni, da tutte le religioni, la Legge ha l’obbligo di essere al di sopra delle convinzioni religiose dello stesso legislatore
Che vuol solo dire aprire al dibattito sull’etica e sulla morale in una società che è multietnica e sarà sempre di più multietnica e multiconfessionale.
Mi prendo tutte le accuse del caso se parlo con un ateo, solo ed esclusivamente se parlo con un ateo, qualunque altro credente, fosse il meno ritualizzato, fosse solo un blando credere in un Dio lassù da qualche parte, no.
Rispetto come interlocutore che mi dà della cretina solo l’ateo, sono due modi diametralmente opposti di spiegarsi la vita e rendo atto che il suo è più intelligente del mio, tanto di cappello, io devo aggrapparmi all’aldilà per spiegarmi l’aldiqua. Sono la prima a ridere del mio credo, ma ci credo
Come credo nella follia che viviamo quotidianamente, perché se fossimo un minimo sani di mente dovremmo piangere ad ogni passo, piangere ogni singolo momento della giornata per la merda che ci circonda, per la merda che chiamano proprietà privata, senso del possesso, logica di stato, legge del profitto, piangere o sparare dritto tra gli occhi a qualcuno dei nostri supergovernanti. Se fossi sana di mente io non potrei sopportare tutto questo, anche per questo credo
Facciamo tutte le battaglie che occorrono per la laicità dello stato e mi troverete al vostro fianco, ma cortesemente, senza offendere e senza caccia alle streghe. Grazie.

Non so se la persona che mi ha dato della stupida o della connivente verrà qui a leggere, se  capitasse sappi che mi sono convertita a 27 anni, che non sono particolarmente ignorante, eppure credo che una vergine abbia partorito un figlio, il figlio di Dio per la precisione, perchè se credi che un qualunque Dio esista… non vedo perchè porre limiti!

Annunci

9 commenti »

  1. demone said

    Avere fede non vuol dire accettare qualsiasi cosa esca dalle mura vaticane. Avere fede non vuol dire schierasi apaticamente dalla parte del clero ne condividerne necessariemnte le posizioni (come hanno fatto molti giornali stamani). Avere fede non è accettare verita’ calate dall’alto ma intreprendere un sentiero individuale con interposte milioni di domanda insolute.

    Per chi non comprende questo, è facile cadere nella tentazione di generalizzare leggendo nella difesa della proprio Credo per estensione una difesa delle persone che lo rappresentano. Penso che questo sia quello che è accaduto.

    Mi piace

  2. tasti said

    No, ovvio, non difendo le persone ma nemmeno l’istituzione che ha permesso che venisse non solo occultato ma persino perpetrato il crimine. Non difendo il vaticano degli scandali, il vaticano delle banche, il vaticano fascista, e a cui dare del borghese sarebbe fare un complimento! No.
    Ma c’è un’altra realtà che è quella delle missioni, dell’auito umanitario, di padre Puglisi, di Biagio Conti, c’è un’altra realtà che pure dal Vaticano scaturisce e quella la difendo, a quella appartengo.
    …In effetti quest’anno mi è capitato di difendere pure Scientiology, perchè apertamente e senza imbrogli fa e recluta per il volontariato. Credo nella libertà di tutti, e quindi scusate… difendo la mia.
    🙂

    Mi piace

  3. Arya said

    E’ difficile non darti ragione, ciò che scrivi è palesemente giusto. Io invece mi trovo in una situazione diversa, credo ma ho messo in dubbio le gerarchie cattoliche, non tanto per il loro comportamento ma per il loro non tollerare le mie critiche alla loro gestione della Chiesa. E per questo vengo aditata come non cattolica, forse neanche cristiana. Continuo comunque a difendere “il mio credere”, anche perchè penso che l’amore per Dio vada rinnovato ogni giorno con il proprio agire.

    Mi piace

  4. tasti said

    Ciao Arya,
    nemmeno io vado d’accordo con la gerarchia, ma amo la sacralità e la ritualità di una messa, di un battesimo, vivo con intensità le celebrazioni.. quando ne sento il bisogno.
    sono cristiana? si. Perchè credo in cristo e ho scelto di credere che la chiesa sia stata ciò che ha lasciato agli uomini, imperfettissimi uomini.
    sono cattolica? si, perchè credo che l’istituzione chiesa sia scaturita da cristo, dai suoi insegnamenti,
    sono credente? si, perchè credo che un dio creatore esista
    che questo non sia sufficiente per un prete… è un problema suo.
    Quel che cerco di fare è di non far minestroni di spiritualità diverse, di capire se e quale spiritualità parla alla mia anima con voce sincera e quale invece si insinua per condurmi nella confusione. Ogni religione, ogni spiritualità ha un lato oscuro e fanatico (cattolicesimo incluso), ecco… io da quello ci sto distante.
    🙂

    Mi piace

  5. demone said

    Solo per chiarire:
    Non ti chiedevo affato delle spiegazioni, ci mancherebbe altro!
    Cercavo solo di dare una interpretazione al post a cui fai implicito riferimento (sempre che abbia capito correttamnte 🙂 )

    [In altre parole ti stavo offrendo sostegno 😛 Mi sa che dovrò rivere il mio modo di comporre le frasi… ]

    Mi piace

  6. tasti said

    ….?
    devo rivedere qualcosa anch’io perchè il sostegno era chiarissimo e la mia era un’appendice… sempre ricevuti rimproveri perchè tendo a ripetere più volte lo stesso concetto
    … soprattutto quando sono imbufalita…

    in realtà devo chiederti scusa perchè più che rispondere a te ho continuato a sbraitare….
    NON rivedere nulla!!! (A parte i tuoi dialoghi col gatto)
    spero tu sia carino perchè ti sta arrivando un bacio!!!
    😉

    Mi piace

  7. demone said

    “spero tu sia carino perchè ti sta arrivando un bacio!!!”
    Molto meno meno di quello che immagini… 😦

    In ogni caso non c’è nulla di cui tu debba scusarti, io sono il primo a non capire le cose che scrivo 😀

    Mi piace

  8. Blimunda said

    Ciao Tasti, approdo anch’io in questo post che probabilmente, in parte, è nato dal mio. Leggo i tuoi punti di vista, le tue forze, le tue debolezze, le tue contraddizioni. Anch’io sono una miscela di tutte queste cose.
    Sono credente, di questa religione che mi hanno insegnata da bambina e che continuo a rimettere in discussione. Sono scesa in fin troppi particolari per una cosa che considero sempre personale ed intima.
    Per un ateo è diverso, è difficile comprendere questa sensazione di spiritualità, le domande irrisolte.
    Il dibattito ed il confronto è più bello con persone diverse. Se è fatto con comprensione ed intelligenza si può imparare ancora, crescere.
    Le tue utime parole sono piene di rabbia e di sfida. Mi dispiace davvero. Da quello che ho potuto leggere dalle mie parti nessuno ti ha dato della stupida (mi sarei opposta). E’ difficile circoscrivere l’ampiezza e la delicatezza di certi argomenti nei commenti di un post, è più facile fraintendersi. Sarebbe stato bello discutere occhi negli occhi, sono sicura che un ateo come Legnocloruro e una cattolica come te avrebbero potuto intendersi. Siete mossi dalla stessa passione. (se ho frainteso perdona, ma comunque ci tenevo a scriverti queste cose) Ti abbraccio forte!

    Mi piace

  9. Tasti said

    @ blimunda… mi spiace, mi è spiaciuto che avvenisse su un blog in cui ero ospite, mi è spiaciuto aver accettato una provocazione.
    Il confronto lo vedo duro con certa gente, ma non mi pare di essermi tirata indietro. Rabbia e sfida? Direi di si. Alle volte occorre.

    @demone…”molto meno di quel che immagini” …. ma visto che non fa differenza alcuna, se per te va bene io ti immaginerei mooooolto affascinante, con qualche qualche anno in più e qualche gatto in meno, … e quindi il bacio te lo becchi!
    🙂

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: