… di cosa stavo parlando?


Non ho da molto questo blog… nonostante il numero di post dica che avevo da scrivere… ancora è niente, sono stata grafomane sino a due anni fa, ma non in senso metaforico, proprio grafomane, quelle persone che se non scrivono una decina di pagine al giorno stanno male.

Ho scritto di tutto. Ho conservato con sapienza solo la produzione non letteraria, le ricerche storico-scientifiche-archeologico-sociologico-antropologico-linguistico e metteteci qualunque altra cosa… ce l’ho, l’ho studiata, ho elaborato la mia teoria.

Fortuna vuole che distinguo nettamente la memoria a breve termine da quella a lungo, non avrei potuto contenere tutte quelle conoscenze, zippo e metto via.

In fondo credo che la letteratura sia un passatempo, ma mi ero appassionata alla mia opera maggiore.. il continuo del Signore degli Anelli (chi non ha scritto la continuazione del Signore degli Anelli?) ma poi nell’ennesimo trasloco si è distrutto in contemporanea il pc e la memoria esterna… da qualche parte ci sono 10 capitoli fitti fitti, un cd che spero di ritrovare prima o poi.

La colpa è esclusivamente dei troppi libri letti precocemente, non datene troppi ai vostri figli, poi crescono su…. strani….

Due anni fa il trasloco, l’ennesimo. Non ce l’ho fatta, sapevo che se avessi cominciato a scrivere sarebbero uscite fuori speranza e sogni, alcune volte è meglio non averne troppe.

Blocco totale.

Ho ricominciato qui, su questo blog, mi sento come se dovessi imparare da capo, come se avessi davanti in barile da svuotare in una caraffa.

Non credo di aver avuto una vita più interessante di tanti altri, è il modo di sentire la vita che non è simili a quello di tanti altri, il modo di guardare.

Poi in effetti mi sono capitate giusto una decina di cose che non capitano a chiunque… ma va da sè che è il minimo quando si unisce la curiosità alla fantasia al disordine alla sfiga

Tendo a parlare di me quando devo giustificarmi.

Considerata la premessa ho un senso di colpa abbastanza grosso….

Quello che faccio contro la mia volontà è farmi i fatti degli altri.

Non è un dire vezzoso, sono piuttosto interessata a me stessa, direi che “gli altri” mi distraggono il più delle volte dall’interessantissima visione di me.

Tra “gli altri” non includo la mia famiglia, loro sono me, io sono loro, siamo tutti un pò folli quindi va bene, tregua, ci amiamo visceralmente chiedendoci perchè siamo stati frantumati in così tante persone, ne bastava una che contenesse tutti.

Il mio senso di colpa.

E’ che alle volte entro nella vita degli altri e di solito non lo faccio in punta di piedi, o forse si, ma vorrei non farlo perchè quando lo faccio poi sto male.

Adesso la cosa stupefacente è che non è solo uno che leggerà questo post e penserà che mi riferisco a lui/lei… e crederanno che stia chiedendo scusa…

Il punto è che non mi scuso.

Il punto è che se si parla poi si deve accettare che vengano dette cose.

Magari potete anche non considerare quelle che dico io, considerate piuttosto che il mio mondo è altrove e quindi altrove anche il mio modo di vedere le cose.

Non mi pongo in un altrove magico e superiore, è un’ altrove in  cui c’è un pò di follia, è la storia della mia famiglia che ha sfiorato troppe follie e le viviamo per quel che sono, altro.

Non ho la visione poetica del folle.

Mai avuta.

Il folle è solo ed io non amo la solitudine, amo stare sola, non essere sola.

Ho paura della follia come chiunque avrebbe paura di un pericolo sfiorato e forse non del tutto scampato, ho paura di come separa le persone dagli affetti, dalla realtà, da se stessi. Ho paura perchè il più delle volte non è reversibile, ti porta via da te stesso, ti porta via per sempre.

E’ adolescenziale sentirsi diversi e folli, ma la lotta condotta dentro le mura di casa mia è stata diversa, abbiamo lottato contro la follia, abbiamo marcato i confini tra follia e normalità con le lacrime.

Bello disquisire sulla normalità quando si vogliono difendere eccentrici desideri.

Altro è la mente che si confonde, che vola via e impotente vedi un corpo che resta involucro.

Ho trascorso l’infanzia leggendo per restare ancorata alla realtà, non per volare via.

Ancora oggi leggo per restare ancorata alla realtà perchè troppe volte i miei pensieri mi portano a gettare via tutto, a dire: sapete che c’è? Non ci sto.

Quello che mi stupisce è l’inversione delle cose che è stato operata.

E’ tutto inverso, quindi cresciamo credendo di trovare un mondo e poi facciamo  i conti con quest’altro e giù “una volta non era così” ma non è vero, ce lo hanno raccontato diverso e si sono convinti che fosse tutto diverso, che qualcuno ha peggiorato un mondo che era qui. Ma non è vero.

Una volta era esattamente così, come oggi, togli tecnologia e cambia coreografia, non lo vedi? e’ tutto esattamente uguale.

Inquinamento a parte.

Per questo dovremmo concentrarci su quest’unica parte.

Alla terra non frega niente se si surriscalderà tra 100 anni o domani, comunque si surriscalderà perchè alle spalle c’è una glaciazione e davanti c’è la desertificazione, con le nostre emissioni o no, davanti c’è comunque la grande estate che attende di arrivare e non credo nessuno possa impedirlo. Vogliamo evitare di anticiparlo e attrezzarci per superarlo o continuiamo a giocare a fotticompagno?

Ma forse anche questo non è interessante davvero, dovrebbero comunque esplodere tutti i vulcani del mediterraneo a brave, e le emissioni dei loro naturalissimi gas sfoltiranno un pò di umanità che insomma sta facendo un pò la parte delle pulci su un cane….

Dovrebbe essere il nostro unico pensiero serio, ma l’umanità non è fatta di persone serie.

L’umanità è fatta di egoisti e santi, in mezzo chi può cerca di sopravvivere come può, altalenando tra l’uno e l’altro estremo.

…….

… di cosa stavo parlando?

Ah, mi sono dimenticata di aggiungere che alle volte il mio senso di colpa è preventivo e evita che ficchi il naso nei fatti degli altri, forse proprio la volta che vorrei fare una carezza, abbracciare qualcuno e invitarlo a piangere un pò. Perchè quelle volte lì sono davvero troppo intime e se uno ha solo voglia di piangere deve capirlo da solo.

Annunci

5 commenti »

  1. Gianluca said

    Tifo allora per la scrittrice “tasti” come tifo per il suo blog.
    Posso avere l’onore di leggere le bozze del tuo libro di prossima pubblicazione?

    🙂

    Gianluca

    PS: Grazie mille per i preziosissimi link e suggerimenti che hai dato per il tour in Sicilia. Già ho iniziato a studiarli per benino.

    Mi piace

  2. Tasti said

    @gianluca….no, scrittrice no, “sciupacarta” andrebbe meglio! Se mai riuscissi a completare qualcosa in vita mia, fosse anche una novella… promesso, a te non posso negare niete!
    🙂
    Son diventata scema o in giro per blog compaiono e scompaiono post?
    PS: Mille prego, per me è sempre un piacere parlare di sicilia!

    Mi piace

  3. Arya said

    A voglia che crescono strani se leggono fin da piccoli, io ho letto il Signore degli Anelli a 11 anni e guarda il risultato!!! 😀

    Mi piace

  4. demone said

    Un foglio bianco ed immacolato davanti, una penna nera nella mano ed un mondo da costuire riga dopo riga.
    Parole da immaginare e virgole da icastrare o anche “solo” equazioni deifferenziali del quarto ordine da sviluppare in chilometrici passaggi logici.

    Bhe sarà anche strano ma la soddisfazione di guardare una pagina fitta e stracoma del proprio pensiero è sempre una piccola, ma meritata, emozione.
    —-

    Mi piace

  5. tasti said

    @Arya… ecco che tutto si spiega!
    😀

    @Demone….non è strano… direi che è un’altro aspetto della natura umana voler conoscere, son daccordo sull’emozione.
    🙂

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: