Dentro


C’è sempre un dentro.

E’ inevitabile.

Nonostante gli sforzi per non far sedimentare nulla….

C’è sempre un dentro.

Un sopra.

Un sotto.

Un lato.

L’opposto.

E un dentro.

Dovrebbe esserci calma lì dentro.

Ma c’è solo una parvenza di ordine.

Imposto.

Sofferto.

Raggiunto.

No, raggiunto no.

Ottenuto.

Sistemato.

Dalla A alla Z.

Ma c’è sempre un dentro.

Anche dentro un catalogo.

E’ che qualcuno lo pone più dentro di dentro.

Ed è difficile arrivarci.

Filo spinato.

Mine antiuomo.

Sentieri tortuosi.

Ed è ovvio che mi farà innamorare.

Ed è ovvio che mi ferirò.

Resterò intrappolata nel filo spinato.

Salterò in aria.

Ricadrò a brandelli.

Dentro te.

Annunci

2 commenti »

  1. demone said

    … è che il “dentro” per sua stessa definizione non può essere evidente dal “fuori” così come non puoi immaginare una casa guardandone il contorno e la sofficità di un divano senza sedertici sopra o il gusto di un gelato semplicemente guardandone il colore.
    Qualcuno si ferma a guardare, qualcun’altro ha bisogno di entrare, di sedersi o di assaporare.

    Mi piace

  2. Tasti said

    Un fruscio delle piume di cupido, direi, sorridendo è quello che mi sono detta, devo aver sentito il suo fruscio… si nasconde la piccola canaglia perchè gliene ho promesse di frecce su per il suo paffuto didietro!
    🙂

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: