HPV Vaccine: Prof. Monsonego a Verona (28)


Questo è un blog. E questo sarà un altro post incredibilmente lungo e noioso.
Io non sono un medico. La premessa è d’obbligo.
Mi interesso delle vicende legate alla vaccinazione anti HPV dal luglio scorso, l’intento era di informarmi.
Sin dal primo articolo ho capito che avrei dovuto informarmi meglio.
Ho provato a informarmi meglio.
Ma per informarsi meglio sul Gardasil si devono leggere tutti i pareri.
Sono tanti e discordanti.
Ho preso posizione sulla vaccinazione quando ho elaborato che sul vaccino ci sono dubbi espressi dalla comunità scientifica.
Oltre che da organizzazioni non governative, quelle del tipo che non piacciono molto e che fanno tanto rumore per nulla.
Ho trovato di tutto.
Ho faticato perchè l’informazione in Italia latita su questo argomento.
Persino Google News Italia ha qualche serio problema a dare gli aggiornamenti continui che invece google news di tutto il resto del mondo fornisce*.
Ho inviato e-mail a questo e quello per cercare di trovare un referente che sollevasse la discussione sul vaccino in Italia.
Nessuna risposta.
In Italia, in realtà, del vaccino si discute anche parecchio, ma la discussione non è arrivata ai cittadini.
Il caso ha voluto che proprio nella città in cui vivo si svolgesse un convegno internazionale sulla vaccinazione HPV.
Un convegno illustre aperto alla cittadinanza per chiarire i dubbi.
Vi parteciva Joseph Monsonego.
Presenti le autorità.
Inutile dire che c’ero anch’io.
Molto sicura che non sarei intervenuta.
Il convegno è stato un convegno.
Interessante.
Informazioni chiare e complete.
E’ stato persino riferito che gruppi di cittadini organizzati in organizzazioni hanno sollevato clamore sulla vicenda.
E’ stato letto un brano da un articolo del British Journal circa l’irresponsabilità di gruppi interessati a creare clamore sulla vaccinazione.
Joseph Monsonego è un uomo affascinante.
Non volevo e non ritenevo la sede adatta ad un intervento polemico.
Un pò come fare la parte della strega cattiva alla festa della principessa.
Non mi ci vedo.
Ma.
Ma quando avrei più avuto occasione per avere un chiarimento da qualcuno?
Tremavo come una foglia.
Come il reo confesso che sa che non ci sarà clemenza alcuna per la propria colpa.
Ma ho preso il coraggio che serviva ed ho chiesto chiarimenti.
Ho presentato due documenti ufficiali: il comunicato stampa di “dialogo sui farmaci” del bollettino farmaceutico dell’ulss 20 di Verona e la revisione della letteratura dell’Università di Montreal, Dipartimento di Epidemiologia.
Citando le parole della Ministra Turco in commissione Affari Sociali del 18 luglio scorso che in risposta ad una interrogazione dell’On. Palumbo riferisce di un “non indifferente dibattito della comunità scientifica internazionale” circa, tra le altre cose, l’efficacia del vaccino.
Il mio intento non era polemico.
Vero.
Volevo sapere cosa ne pensava il prof. Monsonego.
Un illustre professore, improvvisato interprete, ha spiegato per me la provenienza del comunicato stampa e la dichiarazione della Ministra.
La risposta del professor Monsonego non la virgoletto.
La riporto per concetti.
Che lascia aperta la possibilità che io abbia frainteso.
Mai detto di essere integra nelle mie facoltà mentali.
Circa il dibattito ha spiegato che ogni scoperta scientifica è oggetto di contestazioni.
Circa lo studio della Università di Montreal ha detto che si tratta di studi epidemiologi e che lui è un medico.
Circa il vaccino ha detto che può salvare vite umane.
Devo essere onesta: sono soddisfatta della risposta e non sono stata guardata come la strega cattiva.
Al termine del convegno sono stata salutata da alcuni dei relatori con cui ho continuato a sostenere che mi spiaceva e che l’intento non era polemico.
Mi hanno sorriso tutti gentilmente e nessuno ha mostrato stizza, abbiamo convenuto che un chiarimento anche su questo aspetto non era sbagliato.
La mia vigliaccheria difficilmente supererà il record che ha raggiunto oggi.
Le mie considerazioni sono in via di elaborazione.
La risposta è stata sufficiente a eliminarmi i dubbi sulla necessità di una vaccinazione di massa con i nuovi vaccini antiHPV?
Ogni scoperta scientifica è oggetto di contestazioni.
Vero.
Ma la contestazione prima a questa scoperta scientifica è che non è stata sufficientemente sperimentata.
La revisione della letteratura fatta dall’Università di Montreal conclude che è prematuro una vaccinazione di massa allo stato attuale delle conoscenze.
Va bene, sono epidemiologi, ma un pò ne capiranno.
Il professore è un medico che lavora a contatto con il paziente. Ed io sono certa dell’integrità del professore, sono quelle cose che si capiscono dall’uso delle parole, dallo sguardo diretto, dal modo di comunicare.
Ma questo è sufficiente a eliminare il mio dubbio che sia ancora una scommessa?
Il professore Monsenego scommette tutta la sua carriera, i suoi studi, la sua vita dedicata alla ricerca di un vaccino che sconfigga il cancro alla cervice dell’utero, vaccino che avrà effetti anche per altri cancri in altre sedi del corpo.
Resta una scommessa?
Sul tavolo da gioco c’è anche la salute di migliaia di adolescenti.
I dati dell’efficacia del vaccino si sapranno necessariamente tra oltre 5 anni, il cancro della cervice infatti ha tempi lunghissimi prima di manifestarsi. Tra 5 anni sapremo se il vaccino contro il cancro alla cervice dell’utero è stata una scoperta che ha rivoluzionato il campo dei vaccini e che ha salvato migliaia di vite.
Tra 5 anni.
Ed io ancora non so se consigliare a mia sorella di far vaccinare mia nipote.

Gentile professor Monsonego, questo è solo un blog ed io non sono un medico, tengo in gran conto le vite che saranno salvate dall’introduzione tempestiva del vaccino, le conseguenze positive della immunizzazione della popolazione da un virus feroce, uspico quanto Lei che il tempo La consacrerà a benefattore dell’umanità, Lei e tutti coloro che nel vaccino ci credono e lavorano perchè venga somministrato.
Ma c’è “un non indifferente dibattito della comunità scientifica internazionale” sul vaccino

Forse il prossimo convegno dovrebbe mettere a confronto le due parti. Con la presenza libera e gratuita dei cittadini… e magari anche della stampa italiana. Grazie.

…..

Ah, continuo a credere che in Veneto verrà somministrato il Cervarix, cosa che, sia detto tra noi, elimina quelle fastidiose riflessioni sulla casa farmaceutica del Gardasil

*GIOCA CON GOOGLE NEWS:  google news italia, digitare gardasil, contare il numero di risultati…. Dalla pagina principale delle news adesso cambite paese, uno a caso, confermate e digitate gardasil, contate il numero di risultati. Ho persino provato con google cuba, sapete… si è sempre un pò prevenuti con i dittatori… contate i risultati e confrontateli con quelli italiani…

Annunci

9 commenti »

  1. giowind said

    http://www.giowind.eu/2007/07/17/censimento-blog-e-blogger-di-agrigento/

    Mi piace

  2. […] pure lei molto perplessa sull’utilità del vacino, era presente. • letto 0 volte • meta Tags: alle sette, carcinoma della cervice, Francesca […]

    Mi piace

  3. tasti said

    @Giowind…grazie per l’inserimento nel censimento dei bolgger agrigentini, mi fa piacere essere considerata tale nonostante abiti a Verona… bellissima città, garantito, ma niente valle dei templi e niente mare… in compenso stagione operistica e qualche mega evento che fatica a scendere oltre il Po! Onorata, per altro, che sia un bioeticista il gancio, mi piacerebbe avere la tua opinione sulla vaccinazione HPV. Poichè fai parte di un comitato etico direi che si tratta di una opinione da tenere in considerazione.
    Ancora grazie.

    Mi piace

  4. tasti said

    ….hummm
    http://www.zimbio.com/pilot?ID=&URL=http%3A%2F%2Ftasti.wordpress.com%2F2007%2F08%2F31%2Fgardasil-nuova-revisione-della-letteratura-in-canada&ZURL=%2FGardasil%2Ftrackers%2F4%2FBloggers%2Bwriting%2BGardasil
    non segnalo tutti i link che richiamano questo blog per i post sulla vaccinazione hpv, ormai “tasti international”, ma….questo questo ve lo segnalo: benvenuto anche a Zimbio.

    Mi piace

  5. Jenny said

    alla fine hai scritto 🙂
    alla faccia dei due giorni per pensare!! hehe

    il convegno ci ha fatto capire tante cose tasti.. comunque sai meglio di me che finchè si è nel dubbio sempre meglio essere obiettivi 🙂
    andare avanti per la propria strada tenendo conto veram di tutte le opinioni..pure quelle di Monsonego 🙂

    fra cinque anni si saprà chi aveva ragione :p

    buona giornata..

    Mi piace

  6. giowind said

    Scopo del censimento è anche di fare lobbing per riuscire a portare qualche grande evento anche al di qua del PO! Tu sei a Verona, io normalmente a Roma…
    Spero dedicherai un post all’iniziativa.

    Per quanto riguarda la questione del vaccino non mi sento in grado di dare un parere perchè non ho letto ancora nessun articolo della letteratura scientifica in materia. So però che, oltre ad obiezioni di carattere medico-scientifico, ne sono state sollevate alcune di natura etica.
    Non ho trovato il testo integrale dell’articolo, ma potrei mandartelo fotocopiato al mio rientro a Roma. In rete c’è solo un lancio di agenzia che riporta un buon riassunto, non di parte.
    http://sanita.agi.it/primapagina/notizie/200706011210-far-rsa0008-art.html
    Buona lettura!

    Mi piace

  7. E brava la nostra Tasti che è intervenuta al convegno. Davvero non era semplice trovare il coraggio di fare la domanda…tu ci sei riuscita in modo, come dire, “professionale”, senza intenti polemici, come volevi fare. Ti stimo molto per esserci riuscita.
    Un abbraccio

    Mi piace

  8. tasti said

    @jenny… rifletto velocemente…? No, ho scritto di getto ed ho pubbicato, per non pentirmente e rimaneggiare le perplessità e le sensazioni.
    Abbiamo imparato molto? Non lo so, Jenny, sai che non sono un adetto ai lavori e quello che ho sentito lo avevo letto su internet. La rete ha questa bellissima caratteristica di dare informazioni chiare e complete, se sai cercarle. Io ho sentito ripetere che questo vaccino salverà vite umane e che non si deve abbandonare lo screening. L’unica cosa che non sapevo è che lo screening ha un plateau d’arresto in cui non riesce a intervenire, se non ricordo male 8% in Francia. Il post che ho scritto è obiettivo? Lo chiedo a te, eri presente, sai se la mia domanda è stata posta in modo polemico o no e sai se la risposta è stata soddisfacente… converrai che l’ho riportata nell’unico modo possibile…
    Sai dunque meglio di chiunque altro se dal convegno avrei potuto trarre conclusioni diverse, se è servito a dissolvere i dubbi sull’efficacia e la sicurezza del vaccino.
    A te li ha risolti? Se ritieni che solo tra 5 anni si saprà chi aveva ragione… non credo. Il prof. Monsonego non ha risposto esaurientemente, Jenny, sono stata molto gentile in questo post col prof… ma ho idea che tu voglia stuzzicarmi quindi non vado oltre…
    😀

    @Giowin… prometto post su censimento, ma quando riuscirò a riprendermi dalla fatica del convegno! Mezza girnata che m’ha tolto 10 anni di vita!

    Sul problema etico posto in quei termini ero informata, ma non ho ritenuto di farmene portavoce perchè i miei dubbi sarebbero sembrati dettati da una posizione etica personale. Così non è, i miei dubbi sul vaccino nascono esclusivamente dal dibattito scientifico sull’efficacia e la sicurezza.
    Nonostante sia interessante il problema dell’approccio di prevenzione ad una malattia sassuale in bambine.. temo che mi troverei schierata dalla parte dei vaccinatori in casi di vaccini efficaci e sicuri. Ti faccio un esempio diverso dall’HPV: se si trovasse un vaccino contro l’AIDS credi che mi farei problemi etici a vaccinare i bambini? Stesso discorso per il Papilloma virus, perchè che il canale di trasmissione sia sessuale non significa che non ci sia trasmissione e che non esista la malattia. Non significa che auspico sesso libero per tutti (non conosci questo blog: sarei più vicina ad una bigottina che ad una anarchica…) ma che c’è chi muore con malattie sessuali, anche se non ha una vita sessuale disordinata, c’è chi si ammala con malattie sessuali anche se ha avuto un solo partner in tutta la sua vita.
    C’è piuttosto un altro problema di ordine etico che non è stato sollevato e che invece andava sollevato, ma contro i giganti della terra non ci si mette nessuno (bloogger a parte)
    Il vaccino è stato approvato in via d’urgenza dal FDA. Nel maggio 2006, se non ricordo male, a che punto delle fasi di sperimentazione? Future II, fase tre, anche qui a memoria (controllerò).
    L’approvazione del vaccino è stata fatta prima che ci fossero i dati scientifici che oggi ci fanno sapere che il vaccino aumenta l’immunogenità all’HPV e che non ha uso terapeutico. Infatti gli studi relativi a questi due aspetti sono stati conclusi nel 2007. Il vaccino è stato sperimentato, nel 2006, in non più di 2000 bambini, non ci sono state sperimentazioni del vaccino in concomitanza di altri vaccini. I dati provenivano da studi su poco più di 20.000 donne tra i 16 e i 26 anni.

    A fronte di ciò si approva la commercializzazione di un prodotto che dopo un anno si saprà non essere terapeutico e si approva la vaccinazione per praticamente quasi tutta la popolazione mondiale di adolescenti.

    Il problema etico lo vedo solo io?
    E’ eticamente corretto l’autorizzazione di un farmaco in una fase sperimantale in corso? E’ eticamente corretto l’autorizzazione di un farmaco sperimentato su numeri esigui di popolazione? E’ eticamente corretto non sperimentare il farmaco sulla popolazione bersaglio nella realtà della popolazione stessa? E la realtà della popolazione dei bambini tra i 9 e i 12 anni sono somministrazioni vaccinali, il vaccino verrà somministrato in concomitanza con i richiami di altri vaccini per “risparmiare”. Ma sul bugirdino c’è chiaramente scritto che
    “Uso con altri vaccini

    La somministrazione concomitante ( in siti diversi di iniezione per i vaccini iniettabili ) di Gardasil con il vaccino dell’epatite B ( ricombinante ) non interferisce con la risposta immunitaria ai tipi di HPV. La risposta al vaccino dell’epatite B è stata in qualche misura ridotta per quanto concerne le medie geometriche dei titoli anticorpali ( GMTs ).
    Il significato clinico di questa osservazione non è stato stabilito.
    I tassi di sieroprotezione ( proporzione di soggetti che raggiungono un livello sieroprotettivo anti-HBs maggiore o uguale a 10 mUI/ml ) non hanno subito modifiche ( 96,5% per la vaccinazione concomitante e 97,5% per il vaccino dell’epatite B somministrato da solo ).

    La somministrazione concomitante di Gardasil con altri vaccini, diversi da quello dell’epatite B ( ricombinante ), non è stata studiata”. C’è scritto, quindi di chi sono le responsabilità in caso di eventi avversi?

    Il significato clinico non è stato stabilito.
    La somministrazione concomitante non è stata studiata.

    Credo che i problemi etici vadano cercati altrove che non nei comportamenti sessuali degli adolescenti.
    E credo fermamente che questi siano problemi etici, ma il mondo, al solito, guarda da un’altra parte.
    Ti ringazio per la segnalazione, se ti serve documentazione scientifica… su questo blog trovi tutti i riferimenti che vuoi!
    un abbraccio sicano
    😀

    @Capitanmongozo…grazieeeeeeee! il problema è che adesso sono in convalescenza: per trovare il coraggio ho dato fondo a tutte le mie riserve di energia, spero venga qualcuno dallo spazio a portarmi aiuti!
    A quando la riapertura ufficiale dell’Hotel?
    cin, capitano!
    😀

    Mi piace

  9. eheheh è già riaperto! Ti aspetta la tua stanza vista mare siculo 😉

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: