Caro Diario,


Come un binario. Due rotaie, le travi. Due rotaie parallele, stesso materiale, ma viaggiano in direzioni opposte e so che non dovrebbe essere così, sono messe lì, sono parallele. Ma vanno in direzioni opposte. Una spinge verso la felicità, direzione nord. Una verso la sofferenza, direzione sud. Non puoi non percorrerle entrambe perché son fatte dello stesso materiale organico, non puoi non andare a nord perchè è la vita che lo richiede, è per non farsi vincere, è perché così dev’essere. Ma è in direzione sud che l’amore chiama adesso a compiere la sua lacerante azione. Così. Emozioni diverse, intense, imparagonabili nell’esigenza di rispondere alla vita. Mio padre piange. Come torri inespugnabili che crollano. Non era castello di sabbia. Pietre angolari scricchiolano ed io e lei titani, è questo quello che ci viene richiesto. Adesso. Non dormo. Posso vivere. Ma per respirare dovrei prendere un’aereo. Allora reagisco. E respiro lo stesso senza prendere un’aereo. Regolo il mio respiro al ritmo del suo. Lo ascolto. Lo seguo. Non dormo ma almeno riesco a respirare. Egoismo, sì, egoismo il mio. Ma alle volte occorre. Alle volte la vita fa troppo male e per salvarsi bisogna essere egoisti. E incoerenti. Dire e smentire in un attimo. Dire ho bisogno di tempo perchè è una vita che si pensa che è così che andrà, avrò di certo bisogno di tempo, e scoprire che no, nessun bisogno di altro tempo, tu sei già qui. Tu eri già qui. E non importa. Né istinto né ragione a scandagliare il futuro. Odore. Occhi. Bocca. Parole. Sensazione. Emozione. Solo adesso. In questo momento. Perchè fa respirare.

Annunci

9 commenti »

  1. giosannino said

    il tempo è l’unica cosa che ci è dato di calibrare. soprattutto quando nessuno ci rincorre e perciò possiamo assecondarlo, con le migliori intenzioni.

    Mi piace

  2. Mariottola said

    🙂

    Mi piace

  3. Mariottola said

    nel senso di un sorriso…sta faccina sopra sembra più un ghigno e invece è UN SORRISO, sia chiaro.
    smack

    Mi piace

  4. tasti said

    @Giosannino…se non fosse che alle volte il tempo fa i cazzi suoi ti darei ragione e mi fermerei. o forse mi muoverei. è proprio che io a calibrare i tempi certe volte… necessito di metrometro.

    @Mariottola… no, no, sorriso, lo so! e abbraccio. nota: sono tranquilla.
    🙂

    Mi piace

  5. giosannino said

    uhm…secondo me volevi dire metronomo ;P

    Mi piace

  6. tasti said

    @Giosannino… effettivamente suona meglio di metro-metro…
    aspetta: asciugo lacrima da risata.
    😀

    Mi piace

  7. demone said

    Non importa che il treno vada a Nord o a Sud o anche che nell’incertezza oscilli fra le due cose. L’importente è che resti sui binari perché molte persone contano sul suo passaggio.

    Metrometro… Misura della Misura 🙂 Una misura ricorsiva

    Mi piace

  8. giosannino said

    un loop temporale in pratica, demone. l’effetto chiocciola del tempo. ha qualcosa d’ipnotico.

    Mi piace

  9. tasti said

    @Demone… ed ora non vuoi che mi vanti di avere inventato il metrometro? sapevo che avrei fatto qualcosa di grande per l’umanità!
    muhamuhamuha!

    sui binari ci resto, non si può far altro.

    @Giosannino… al mio tre ti risveglierai e non ricorderai nulla, tranquillo, poi passa.
    😀

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: