Astensione attiva/rifiuto della scheda: attenti!!!!


Il dubbio è: E’ POSSIBILE RICHIEDERE CHE SI VERBALIZZINO SOLO RECLAMI O PROTESTE SULLA CONDUZIONE DEL SEGGIO, NON OPINIONI O DISSENSI DI TIPO POLITICO?

Grazie a Sale del Mondo si può finalmente fare un po’ di chiarezza sull’astensione attiva e quanto ne deriva, ma non c’è nulla di certo, in realtà:

“Da più parti arriva la richiesta di un riscontro di legge puntuale circa la possibilità di non ritirare o restituire le schede elettorali, con conseguente verbalizzazione dei motivi del rifiuto o della restituzione.
Il dubbio, è che in assenza di una previsione normativa chiara i Presidenti di seggio potrebbero facilmente mettere in difficoltà chi volesse portare avanti questo tipo d’iniziativa.


  • l’elettore non ritira la scheda: vuol dire che non partecipa al voto e questo viene annotato sulle pandette (non sul verbale)
  • l’elettore non consegna la scheda: questo viene annotato sul verbale e l’elettore è sicuramente passibile di sanzioni amministrative (è detto chiaramente che chi non restituisce la matita viene multato…. per la scheda la legge non dice niente, ma potrebbero esserci anche conseguenze penali)

Nel caso specifico, c’è un indubbio interesse dell’elettore ad esercitare il proprio diritto di voto. Ma oltre che un diritto, l’esercizio di voto è anche un dovere civico Per le elezioni politiche la legge prevede per i non votanti che si astengono dal voto (non vanno a votare) l’iscrizione nel casellario giudiziario della menzione “NON HA VOTATO”, ma solo per le politiche, non anche per le amministrative. Questa dizione però, è stata inserita solo una volta (elezioni del 1948), poi la norma è caduta in disuso.

Art. 104, comma 5, del Testo Unico delle Leggi Elettorali D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 e successive modifiche: Il segretario dell’Ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o di allegarvi proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000. La norma si riferisce alle disposizioni che impartisce il Presidente di Seggio. Non qualsiasi elettore

Per concludere, in attesa di studiare meglio quale o quali proteste avanzare nei seggi, dei consigli utili.

Come sopra ricordato, il segretario di sezione è obbligato a verbalizzare qualsiasi reclamo provenga dagli elettori. Benché forti di questa norma, evitare in ogni caso di passare dalla ragione al torto ed incorrere nelle sanzioni previste per chi turba il regolare svolgimento delle operazioni di voto.

Di fronte all’eventuale ostinazione dei presidenti e alla riluttanza dei segretari a non verbalizzare, e laddove non ci si senta in grado di sostenere il confronto, evitare di farsi coinvolgere in accese ed inutili discussioni.
Rivolgersi invece alla forza pubblica per richiedere l’intervento dell’ufficiale giudiziario che può avere accesso nella sezione per notificare al presidente proteste e reclami relativi alle operazioni della sezione (art. 44 comma 4 D.P.R. 30 marzo 1957, n° 361 e successive modifiche). La forza pubblica è alle dirette dipendenze del Presidente di seggio che può anche ordinare l’arresto di chi disturba il regolare andamento delle elezioni; ma il più delle volte esecita solo di potere di chiamare la forza pubblica per far allontare l’elettore. Se si ‘notifica’ per il tramite dell’Ufficiale giudiziario un ‘reclamo’ o un ‘esposto’ questo viene allegato al verbale e si riferisce ad irregolarità nella conduzione e gestione del seggio allora la magistratura apre una indagine nei confronti dei componenti del seggio, primo tra tutti il Presidente.

Conclusioni: questo tipo di protesta non produce alcun risultato, pretendere di far inserire a verbale dichiarazioni del tipo “non voto perchè sono tutti stronzi” non è possibile: non voti e basta…… disegnare oscenità sulla scheda: un’altra stronzata, perchè al momento dello scrutinio il Presidente dichiara “scheda nulla” e basta e la scheda va nel pacchetto delle schede nulle, insieme a quelle votate per due partiti o qualcos’altro che non rende intellegibile il voto.

Chi non vuole votare, quindi, deve SOLO accontentarsi di far eleggere i deputati e i senatori da quelli (magari pochi o pochissimi) che andranno a votare.
Se poi vuole andare sui giornali: si mette un cartello al collo “non andate a votare” e si presenta davanti alle scuole dove ci sono i seggi elettorali. Viene subito arrestato, ma finisce sui giornali; sta due o tre giorni dentro e poi viene rilasciato…… in attesa di giudizio.

N.B. LE SCHEDE BIANCHE O NULLE NON RIENTRANO NEL COMPUTO DEL PREMIO DI MAGGIORANZA!

Annunci

33 commenti »

  1. […] Astensione elettorale attiva L’astensione elettorale con restituzione della scheda al seggio non è possibile!!!!! […]

    Mi piace

  2. Michele said

    Grazie per la visita e grazie, ancora, per la citazione, baci :). Michele.

    Mi piace

  3. tasti said

    @Michele… sia mai che rifiuto un bacio!
    😉

    Mi piace

  4. Michele said

    Troppo carina e gentile 🙂

    Mi piace

  5. fukikoma said

    Come mai questo è l’unico blog in cui si dice che questa astensione non serve e che le schede nulle o bianche non rientrano nel computo del premio di maggioranza ?
    Da quello che mi risulta queste schede rientrano eccome !

    Mi piace

  6. tasti said

    @Fukikoma… che sia l’unico blog ne dubito fortemente, tant’è che riporto quanto preso da un’altro blog che ha preso da un’altro blog etc etc.
    In ogni caso, io non credo di aver detto che non serve l’astensione, ho detto che QUESTA astensione con verbalizzazione al seggio rasenta il reato elettorale, tant’è che non c’è chiarezza nella norma su quanto il presidente debba verbalizzare e c’è una circolare ministeriale alle Procure che dice che i Presidenti di seggio devono verbalizzare solo sui reclami e le proteste circa la conduzione del seggio stesso.

    per quanto riguarda il computo del premio di maggioranza:
    viene dato sulla base dei seggi assegnati e i seggi vengono assegnati sulla base dei voti validi
    dal sito della Camera dei Deputati:
    http://www.camera.it/cost_reg_funz/667/669/documentotesto.asp
    La legge 21 dicembre 2005, n. 270 ha introdotto un sistema per l’elezione della Camera dei deputati di tipo interamente proporzionale, con l’eventuale attribuzione di un premio di maggioranza in ambito nazionale, che sostituisce quello misto precedentemente in vigore.
    I 617 deputati (per i 12 deputati della Circoscrizione estero si veda più avanti) sono eletti nel territorio nazionale in proporzione ai voti ottenuti dalle liste concorrenti presentate nelle 26 circoscrizioni; un deputato viene eletto con metodo maggioritario nel collegio uninominale della Valle d’Aosta.
    Per quanto concerne le candidature, la nuova disciplina prevede che i partiti politici che intendono presentare liste di candidati possono collegarsi tra loro in coalizioni; i partiti che si candidano a governare depositano inoltre il loro programma e indicano il nome del loro leader.
    Quanto alle modalità di votazione, l’elettore esprime un solo voto per la lista prescelta; non è previsto alcun voto di preferenza.
    I seggi sono ripartiti proporzionalmente in ambito nazionale tra le coalizioni di liste e le liste che abbiano superato le soglie di sbarramento previste dalla legge. Sono ammesse alle ripartizione dei seggi soltanto le coalizioni che abbiano raggiunto almeno il 10% del totale dei voti validi e, al loro interno, le liste che abbiano ottenuto il 2% dei voti, le liste rappresentative di minoranze linguistiche con almeno il 20% dei voti della circoscrizione e la lista che abbia conquistato più voti tra quelle che non hanno conseguito il 2% dei voti. Partecipano inoltre alla ripartizione dei seggi le liste che non fanno parte di alcuna coalizione, a condizione che abbiano avuto almeno il 4% dei voti a livello nazionale.
    Alla coalizione di liste (o alla lista non coalizzata) più votata, qualora non abbia già conseguito almeno 340 seggi, è attribuito un premio di maggioranza tale da farle raggiungere il numero di seggi in questione.
    Le varie fasi della distribuzione dei seggi proporzionali sono le seguenti:

    * si accerta, nelle circoscrizioni e in ambito nazionale, il totale dei voti conseguiti da ciascuna coalizione o singola lista non collegata e si individua quale di esse ha ottenuto a livello nazionale il maggior numero di voti ai fini dell’attribuzione dell’eventuale premio di maggioranza
    * si individuano le coalizioni di liste e le liste non collegate che, superando le soglie di sbarramento, sono ammesse all’assegnazione dei seggi
    * si determina su base nazionale il numero di seggi spettanti a ciascuna coalizione di liste o lista non collegata che ha superato la soglia di sbarramento. La ripartizione è effettuata in proporzione ai voti ottenuti con il metodo dei quozienti interi e dei più alti resti
    * si verifica se la coalizione di liste o la lista non collegata che ha ottenuto il più alto numero di voti ha conseguito 340 seggi
    * in caso positivo, il premio di maggioranza non trova applicazione. I seggi spettanti a ciascuna coalizione sono assegnati alle liste ammesse al riparto che le compongono. Si procede quindi a distribuire in ogni circoscrizione i seggi assegnati in sede nazionale a ciascuna lista ammessa
    * se nessuna coalizione di liste o lista non collegata ha ottenuto almeno 340 seggi, si attribuisce a quella di esse più votata il premio di maggioranza, consistente in un numero di seggi pari alla differenza tra 340 e il numero di seggi ad essa assegnati sulla base della ripartizione proporzionale. I 277 seggi rimanenti sono distribuiti tra le altre coalizioni o liste non collegate secondo il metodo dei quozienti interi e dei più alti resti
    * si proclamano, nelle diverse circoscrizioni, i candidati eletti secondo l’ordine di successione fissato in ciascuna lista. Se la lista dei candidati è esaurita, si attinge, nell’ordine, alla medesima lista in un’altra circoscrizione, ad un’altra lista della stessa coalizione presentata nella circoscrizione originaria, ovvero in un’altra circoscrizione.

    PER IL SENATO: viene calcolato su base regionale e sono ammessi al riparto del premio di maggioranza le coalizioni che ottengono tot voti VALIDI:

    Quanto alla ripartizione dei seggi all’interno delle circoscrizioni, viene adottato il sistema dei quozienti naturali e dei più alti resti (con abbandono del metodo d’Hondt) e i seggi spettano ai candidati della lista assegnataria secondo l’ordine di presentazione (lista bloccata). Tuttavia, anche sotto questo profilo, l’attribuzione dei seggi è effettuata non in sede nazionale bensì nell’ambito di ciascuna circoscrizione regionale.
    Sono ammesse al riparto: 1) le coalizioni che abbiano ottenuto a livello regionale almeno il 20 per cento dei voti validi espressi, avendo al loro interno almeno una lista collegata che abbia conseguito il 3 per cento; 2) le singole liste non coalizzate che abbiano ottenuto a livello regionale almeno l’8 per cento dei voti validi espressi; 3) le singole liste facenti parte di coalizioni ”sotto soglia” ma che abbiano ottenuto sul piano regionale almeno l’8 per cento dei voti espressi.
    http://www.senato.it/istituzione/29374/29385/84703/84705/genpagsm.htm

    Mi piace

  7. skeight said

    Concordo con quanto scritto da tasti: non c’è alcuna norma che conteggi le schede bianche e le nulle per il riparto dei seggi, tanto meno per i premi di maggioranza: si parla sempre ed esclusivamente di voti validi. C’è da aggiungere che il rifiuto della scheda è da equiparare all’espressione del voto al di fuori della cabina elettorale: di conseguenza, il presidente del seggio dichiara nulla la scheda e non ammette più a votare l’elettore (art. 62 del testo unico). Men che meno si può pretendere di manifestare con un atto formale la scelta di astenersi con questa modalità perché ciò violerebbe il dettato costituzionale che all’articolo 48 prevede, tra le altre cose, la segretezza del voto.

    Mi piace

  8. La Sparata said

    Credo che sia antidemocratico spartirsi i seggi con i soli voti validi, se uno qualsivoglia degli elettori non si reca alle urne sono diversi i motivi possibili: impossibilità di andare al voto, volontà diretta di non votare (disinteresse politico, mancanza di rappresentanza,ecc.)e così via. Ora se è quest’ultima la causa non considerare l’astensionismo di ogni tipo, sia attivo che passivo, primo non aiuta il recupero dei soggetti e secondo distorce il risultato perchè non da il giusto valore percentuale di consenso e di conseguenza non rispecchia la situazione reale nel paesea. Altro che legge truffa durante il Fascismo, sistema proporzionale, maggioritario, proporzionale con premio di maggioranza; qui si tratta di un vero e proprio brogio elettorale figurato. Forse sarà anche in buona fede, ma ciò non toglie che sia appunto un modo di distorcere la verità: non tutti gli italiani si riconoscono in quei partiti/politici, perchè allora si nascondono o non si considerano per come sono, ossia voti di protesta? Mi sembra che soprattutto l’astensionismo attivo sia questo, si potrebbero istituire casi esempio per aiutare la catalogazione delle giustificazioni; sarebbe più democratico, veloce, aiuterebbe ad evitare le disussioni, ma innanzi tutto utile come si dice di questi tempi.

    Mi piace

  9. tasti said

    @LaSparata… siamo grossomodo d’accordo… questa legge elettorale è fatta ad ok perché due grossi schieramenti politici, non troppo distanti tra loro, abbiano il potere decisionale in esclusiva. E il popolo che si adatti o vada al mare. sulla buona fede non ci scommetterei un centesimo!

    Mi piace

  10. Cristiano said

    Salve a tutti…
    Anch’io, come molti Italiani, penso che non andrò a votare; avevo la mezza idea di applicare questa “Astensione Attiva”, però purtroppo (cosa tipicamente italiana) non si capisce se si può fare o no….. non si capisce se le schede bianche o nulle saranno ripartite nel premio di maggioranza ecc…
    Peccato, mi sembrava una buona forma di protesta, se applicata da molti…

    Mi piace

  11. tasti said

    @Cristiano…non chiedere a me: io sostengo che ci sono i riferimenti legislativi per cui NON è possibile praticarla. Ma non sono un’avvocato.

    Mi piace

  12. La Beba said

    Ma che tristezza leggere i commenti di persone che vogliono spacciarsi per superintelligenti poi manco sanno scrivere correttamente: fa e va si scrivono senza accento(vi è forse un’altra vocale sulla quale farlo cadere?); ad hoc e non ad OK, accidenti agli inglesismi che stanno sempre più stravolgendo il latino;”un avvocato” si scrive senza apostrofo, proprio come “un asino”.

    Mi piace

  13. tasti said

    @La Beba… grazie!
    😀
    però io sono anche una precisina: in questo blog ci sono altri hoc… vedi lauree e lavoro (2), ci sono altri avvocati senza apostrofo e posso assicurarti che non c’è un eco maschile, che pure scrissi in una mail destinata ad una persona per me importante e davvero, davvero colta…
    generalmente non correggo i miei errori perché credo si noti che si tratta di distrazioni e scivoloni…
    MA grazie a questo BLOG ho scoperto alla tenera età di 39 anni che sì affermazione si scrive con l’accento! Non lo sapevo!

    Quindi, quando vuoi, le correzioni sono ben accette.
    Però non collegherei la super intelligenza di cui sono evidentemente dotata alla correttezza della forma scritta…
    :mrgreen:

    ah, ricordati che sono fornita solo di un diploma di ragioniera, sii clemente!

    ALT!!!! Aspetta la Beba: ho un problema con la tua mail *****@interfree.it ???? Ne ho una uguale!

    Mi piace

  14. […] Astensione attiva/rifiuto della scheda: attenti!!!! alle sette Oltre a non essere sicura come alternativa praticabile, questa soluzione mi sembra inutile e stupida. Personalmente sono contro il non-voto o l’annullamento e, visto che la notizia di questa possibilit l’avevo postata io, linko con piacere l’avvertimento. "Senza storie ci resterebbero solo la politica e i supermarket: e che razza di mondo sarebbe un mondo cos?.(BIG FISH) […]

    Mi piace

  15. tasti said

    @tutti IMPORTANTEEEEE!!!!!

    Da http://www.utgpistoia.it/elezioni2008/circolari.html#circ22

    Prefettura di Pistoia

    Ufficio territoriale del Governo di Pistoia

    AREA II

    raccordo con gli enti locali; consultazioni elettorali

    2. SPEDITEZZA E REGOLARITÀ DELLE OPERAZIONI DI VOTO.

    Al fine di assicurare la speditezza e la regolarità delle operazioni di voto, si richiama l’attenzione delle SS.LL. circa la necessità di sensibilizzare i presidenti degli uffici elettorali di sezione affinché sia predisposta ogni idonea misura per evitare, in ogni caso, il verificarsi di situazioni che possano rallentare la procedura di voto all’interno del seggio, con conseguenti perdite di tempo penalizzanti per gli elettori in attesa di votare e per il regolare svolgimento del procedimento elettorale.

    In particolare, si segnala l’esigenza che eventuali contestazioni, presentate nel corso delle operazioni di voto da parte degli elettori, siano verbalizzate in maniera sintetica e senza ritardo.

    Al fine di non intralciare il regolare svolgimento delle operazioni di voto, si ritiene opportuno che, dopo l’annotazione nel verbale delle generalità dell’elettore e del motivo del reclamo o della protesta, vengano allegati eventuali scritti.

    Per quanto riguarda poi la rilevazione del numero degli elettori, si ribadisce che coloro che non hanno ritirato la scheda non dovranno essere conteggiati tra i votanti, conformemente a quanto evidenziato dalla circolare n. 7513/08/fasc. 2327/fald.34/Area II S.E. del 3 aprile 2008.

    ….
    da [9-4-2008] Circolare contenente disposizioni su: telefoni cellulari , speditezza e regolarità delle operazioni di voto, spoglio delle schede, validità del voto.

    Circolare della Prefettura di Pistoia contenete disposizioni su:

    – Divieto di introdurre all’interno delle cabine elettorali telefoni cellulari o altre apparecchiature in grado di fotografare o registrare immagini.
    – Speditezza e regolarità delle operazioni di voto.
    – Osservanza delle norme relative alle operazioni di spoglio delle schede.
    – Validità del voto per le elezioni politiche.

    Scarica la Circolare

    Però occorre RITIRARE la scheda e farsela annullare per essere inseriti tra i votanti.

    Stessa circolare a Cagliari, Roma,:
    http://www.prefettura.cagliari.it/news/Elettorale%202008/circ%2030%20telefoni.pdf
    http://www.utgroma.it/

    Mi piace

  16. Stefano said

    Ti ringrazio per le info. E’ difficile capire certi meccanismi… da più parti si è detto erroneamente che le schede nulle andavano nel calderone del premio…
    grazie ancora.

    Mi piace

  17. Alessandro said

    Ho fatto l’astensione attiva e non ho avuto nessun problema.

    Mi piace

  18. marco said

    Confermo. Ho fatto l’astensione attiva (parziale) più di una volta e non ho avuto nessun problema. Nessuna verbalizzazione, nessuna dichiarazione o reclamo. Hanno semplicemente non conteggiato la scheda che è rimasta al loro tavolo, annotando il fatto (e non il motivo, che è rimasto personale) sul verbale nella parte relativa al numero di votanti. L’annotazione è necessaria perchè devono giustificare il fatto di avere avuto su schede diverse un numero diverso di votanti! Semplice!

    Mi piace

  19. https://picasaweb.google.com/brunoaprile.aprile/Bruno#5453814358316846450

    Mi piace

  20. Massimo Rispetto said

    http://www.facebook.com/editnote.php?draft&note_id=10150735547464108&id=1691872027

    Mi piace

  21. mauro said

    Basta solo ritirarla ed apporre la x su tre o 4 partiti,ma se si ha tempo su tutti quelli che sono presenti sulla scheda..Il risultato non cambia,sarebbe rafforzato.In questo modo non si deve giustificare nulla di nulla,si ha votato e la scheda è stata infilata nell’urna,dalla quale uscirà NULLA.Nessuno si prenderà il mio voto ne tanto meno nessuno lo verra a sapere.Nel caso si venisse a conoscere l’identità dell’
    autore,si potrebbe tranquillamente dire che il voto non è SEGRETO.

    Mi piace

  22. Votare scheda bianca e nulla non innalza la percentuale di astensionisti perché l’elettore che lascia bianca la scheda o la annulla risulta VOTANTE. Se rifiuta la scheda non risulta votante e la percentuale dell’astensionismo aumenta (cosa che, per quanto ne dicano i furbi in cerca di poltrone o gente che ha parenti e amici in politica o in procinto di entrarvi, è un fenomeno che preoccupa la Casta … infatti non sanno più cosa inventare per porvi rimedio).
    La scheda rifiutata, come ha già commentato qualcuno (art. 62 D.P.R. 361/57), è nulla. Non la annulla l’elettore ma il presidente e non è conteggiata ai fini dell’attribuzione del premio di maggioranza.
    Mi stupisce sempre vedere molti che quando commentano dicono:”a me risulta”, “sono sicuro che”, etc. etc. ma non fanno mai riferimento alla legge.
    I manuali che distribuiscono agli addetti ai lavori sono oro colato ? Sono istruzioni fornite da membri della Casta (conflitto di interessi) … l’art. 104 comma 5 del D.P.R. 361/57 ad esempio NON specifica che tipo di reclami e proteste devono essere inserite o ALLEGATE nel verbale … mi piacerebbe sapere da dove sbucano certe precisazioni che leggo spesso. Se qualcuno mi riporta il testo (articolo) della legge che lo specifica sarò soddisfatto … ma deve riportare il testo della legge (non i manuali che non sono legge).

    Mi piace

  23. laura said

    cosa posso fare io che come residente all’estero? come posso rifiutare la scheda visto che la ricevo a casa e non ho davanti un presidente scrutatore? mi astengo allora?

    Mi piace

  24. @Laura:
    se fossi in te rispedirei la scheda a chi te l’ha inviata con una dichiarazione che descrive il rifiuto della scheda e la richiesta che sia messa a verbale ai sensi dell’art. comma D.P.R. 361/57, che come già detto, NON SPECIFICA la natura dei reclami e proteste dell’elettore da verbalizzare. Si vedano anche gli artt. 74, 79, 87 del suddetto D.P.R.

    NOTA DI TASTI: Quanto scritto dal Sig. Bruno Aprile non è ancora stato da me verificato.

    Mi piace

  25. Chiedo scusa per il commento precedente che manca di alcuni riferimenti perché non avevo abilitato il tastierino numerico (sorry). Lo riscrivo e aggiungo qualche nota in più:

    @Laura:
    se fossi in te rispedirei la scheda a chi te l’ha inviata con una dichiarazione che descrive il rifiuto della scheda e la richiesta che tale dichiarazione sia allegate al verbale ai sensi dell’art. 104 comma 5 del D.P.R. 361/57, che come già detto, NON SPECIFICA la natura dei reclami e delle proteste dell’elettore da inserire o ALLEGARE al verbale. Si vedano anche gli artt. 74, 79, 87 del suddetto D.P.R.
    Da qualche parte la scheda ti sarà arrivata e in qualche parte dovranno essere annotate anche le dichiarazioni dei cittadini italiani all’estero che hanno diritto al voto e ricevono le schede per votare.

    NOTA DI TASTI: Quanto scritto dal Sig. Bruno Aprile non è ancora stato da me verificato.

    Mi piace

  26. tasti said

    @BrunoaprileunoAprile… come linea di questo blog va bene che qualcuno si inserisca nei post e dia indicazioni sugli argomenti proposti, purtroppo però inserendo riferimenti legislativi mi costringe o a far un controllo per verificare l’esattezza delle sue citazioni e delle sue interpretazioni… Non avendo io il tempo di approfondire l’argomento spero non le dispiaccia se interverrò con una nota che chiarisca che quanto da lei scritto non è da me verificato… o qualcosa di simile.

    Mi piace

  27. tasti said

    @BrunoaprileunoAprile… per altro l’attuale situazione politica è molto diversa da quella del 2008, anno in cui ho avviato questa discussione. Le elezioni siciliane hanno dimostrato che un astensionismo altissimo (senza verbalizzazione) porta ad un impegno della politica per recuperare credito. Qui è significato un cambiamento nei modi della gestione della Regione ché, altrimenti, dopo le tensioni sociali dello scorso anno e dopo il risultato elettorale, potrebbe darsi che i siciliani si arrabbino davvero. Altro che non andare a votare!

    Mi piace

  28. Ci mancherebbe altro TASTI ! faccia pure tutte le verifiche che crede e che vuole, come pure le possono fare tutti quanti coloro che hanno letto il mio commento. Per questione di tempo e spazio non ho pubblicato integralmente i testi dei suddetti articoli di legge e non lo avrei nemmeno fatto perché sono dell’idea che la gente deve iniziare ad abituarsi a documentarsi dalle fonti ufficiali che sono appunto le leggi. Non si può continuare a litigare fra noi quando una classe politica ci sta dissanguando tutti, come non si può a mio avviso continuare a non sapere a chi credere. Io davanti a due questini contrastanti vado sempre direttamente alla fonte più ufficiale. e sarebbe bene che tutti facessero così.
    Cordiali saluti

    Mi piace

  29. Votali ancora, Sam!

    Mie ragioni del NON voto poggianti su nuova concezione della natura umana:
    http://digilander.libero.it/VNereo/nereo-villa_la_fine_del_mondo.htm

    Mi piace

  30. Ciao Nereo ! 🙂

    Mi piace

  31. garage door company Danville

    Astensione attiva/rifiuto della scheda: attenti!!!! | alle sette

    Mi piace

  32. bic said

    Chiedo scusa,
    non riesco a trovare una circolare che specifica che il 104 comma 5 si riferisca solo all’interazione presidente/segretario e nemmeno una che (cito) “dice che i Presidenti di seggio devono verbalizzare solo sui reclami e le proteste circa la conduzione del seggio stesso.”
    Mi sarebbe veramente utile nel caso dovessi fare di nuovo parte di un seggio. Nel caso andrò di sicuro all’ufficio elettorale del comune a chiedere delucidazioni precise ma mi servirebbe comunque un punto di aprtenza.

    Mi piace

  33. tasti said

    @bic.. ti faccio avere appena posso… una settimna al massimo, ok?

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: