Caro Fausto,


non demonizzare l’avversario politico, dovrebbe essere il primo articolo del codice deontologico del buon politico.

E così Fausto ieri mi ha parlato occhi negli occhi, porc…

Lui il primo articolo lo applica (è campagna elettorale, eh?), non demonizza, dice che propone altro, un altro modello, i toni di aggressione e di possesso di verità assolute non c’è ed in effetti non appartiene a quella sinistra a cui faccio riferimento.

La sinistra caratterizzata dall’autocritica, ci son stati decenni di macchiette sull’autocritica della sinistra, l’arroganza non rientrava nel prototipo della persona di sinistra.

Capire il perchè delle idee degli avversari, capire come mai pensano cose che non sono condivisibili, dare gli strumenti per aprirsi ad un altro pensiero. Capire che non esistono “mostri”, ma egoismi dettati da paure, necessità, bisogni. Egoismi indotti. (E un manipolo di figli di buona donna che si arricchiscono grazie a questi)

E dare soluzioni che non siano dettate dal presupposto che di fronte si abbia un idiota da assoggettare alla mente degli illuminati.

No, non mi ha convinta ad andare a votare, ha ammesso gli errori, mi ha capita, porc… praticamente chiede scusa e comprende, comprende perché si sia così incazzati con “lui”, con la sinistra, si giustifica appena, “non potevamo”, dice che sa quale fosse l’investimento fatto nelle passate elezioni, sa che era già stato uno sforzo, sa che quello sforzo non ha prodotto i risultati attesi. Ma chiede di crederci ancora.

Non per essere forza di governo ma opposizione.

…. se non fossi malpensante andrei a dargli il mio voto per abbracciarlo simbolicamente, per far pace come dopo una litigata tra innamorati…

ma sono malpensante.

E dopo le litigate tra innamorati non risolvo con un abbraccio.

caro Fausto mi hai toccato il cuore, vero. Ma non ti riaccolgo a casa, non ti dò la possibilità di ferirmi di nuovo, “rifrequentiamoci”. Mostrami che sei cambiato… generalmente un ex non riesce ad accettare questa soluzione, chi sbaglia vorrebbe che la colpa venisse cancellata da un ritorno a “com’era prima” e non capisce che nel “com’era prima” chi è stato ferito non ci vuole tornare affatto. Se poi stiamo parlando di colpe ripetute nel tempo e perdoni concessi a ruota libera… si arriva al punto che no, non ti riaccolgo a casa e “com’era prima” non m’interessa.

sai che si deve ricostriure la sinistra italiana, bene, siamo arrivati alla stessa conclusione, cominciamo a dire di nuovo le stesse cose, adesso capiamo con chi, magari? Adesso ricominciamo a dirne una e una sola sulle situazioni e non metà bianca e metà nera?

In questa campagna elettorale hai fatto discorsi che dovrebbero essere raccolti in un manuale, bravo, bravo, ma scusa se non hai più la mia fiducia, voglio vedere cosa fai quando il PD ricomincerà a corteggiarti, se mi tradirai ancora una volta o se questa volta saprai tener fede all’impegno preso.

Non più tua,

Tasti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: