VOTO CONTRO


Pare che io non abbia grandi doti comunicative.

Scrivo, parlo spiego e niente, nessun risultato.

Così dopo aver detto per circa un mese che non voto

che scelgo l’astensione

che non voto la mia parte politica, in cui mi riconosco

che la mia è un’astensione sanzonatoria

….

mi si urla contro che allora il mio è un voto contro la sinistra.

….

NON LO AVEVI CAPITO?????!!!!!

BRAVO!!!!! Hai finalmente capito che sono incazzata con la sinistra?

Il PD?

IL PD????!!!!!

Chi parla del PD????!!!!

Io non sono mai stata diessina, figurati piddina!!!

Ah no, PARE che io debba votare qualunque cosa per essere una persona seria, non votando finisco nel girone degli accidiosi, coloro che nulla fecero per impedire che la destra si imposssesssassse dell’Italia avviandola verso la stagione della negazione dei diritti.

ME NE ASSUMO LA PIENA RESPONSABILITA’.

CERTO: sarebbe carino che invece di incolpare me si incolpasse “la sinistra” se il suo elettorato, me inclusa, non le confermiamo la fiducia, ma no, sappiamo che in Italia se le cose vanno bene è merito dei grandi ma se vanno male è colpa dei piccoli!

Mon amour, se “la sinistra” perde…

“LA SINISTRA”?

 La sinistra perde di certo, non penserai che la sinistra Arcobaleno, se anche avesse tutti i voti di tutti i possibili indecisi  potrebbe andare al governo, no? La sinistra in queste elezioni comunque perde. Deve misurare il consenso, prendere quanti posti potrà, ma nessuna speranza di vincere.

QUINDI, cortesemente, non contrapporre a Berlusconi “la sinistra”, l’avversario di Berlusconi è il centro. Prova a dare a Pannella della “sinistra” e vedrai come ti riduce!

Il prossimo governo non sarà in nessun caso un governo di sinistra.

Torniamo al male minore e torno a ripeterti che non voto per il male minore che mi fa un male cane anche quello minore.

….

Da quando il Governo è caduto sappiamo che vincerà Berlusconi.

TI SEI CHIESTO PERCHE’?

EVIDENTEMENTE lo senti che il Governo di questi ultimi due anni NON ha avuto grandi consensi…

non ha fatto quel che avrebbe dovuto e potuto fare…

non è stato un governo coraggioso…  e la mia parte politica non corre per il Governo, ED IO NON SONO DEL PD!

Per me il discorso non vale, ti rispondo come risponde Bertinotti?????

E’ IL PD CHE NON CI HA VOLUTI!

Quindi sono due le cose: o io non so comunicare o qui qualcuno non vuole aprire le orecchie!

E lo dico con amarezza, amico del PD, il tuo ultimo appello non mi è piaciuto, erodere elettori a sinistra può essere una strategia interessante, ma datti una schiarita alle idee, queste elezioni le vince Berlusconi o, con un colpo di culo inaspettato Veltroni, ma non certo la sinistra.

E il fatto che io non vada a votare non modifica in nessuna maniera questa cosa. Significa SOLO che ci sarà meno sinistra in Parlamento. Ti ricordo che la scelta di essere forza parlamentare non è stata un automatismo per la sinistra italiana. Ti ricordo che esiste anche un modo di far politica, che appartiene alla tradizione della sinistra, che è extraparlamentare. Ti ricordo che il possesso dei luoghi del potere non sono motivazioni che possono trovare terreno da queste parti. E combattere perché i diritti acquisiti non vengano toccati compete a tutta la popolazione civile, che sia rappresentata in Parlamento o no. Non sarebbe male se si ricominciasse a capire che delegare tutta la difesa dei nostri diritti alle forze parlamentari FORSE non è una cosa intelligente.

Puoi urlarmi contro quanto ti pare, per me il PD non vale una lira di più del PdL.

Annunci

4 commenti »

  1. demone said

    Se dicessi che un po’ ormai ti conosco farei sicuramente un torto alla tua straordinaria complessità. Sono convinto però di aver compreso che in tutto ciò che fai a guidarti è la passione, e proprio perché un po’ di cose sul tuo pensiero le ho lette vedo la tua scelta estremamente coerente e molto più coraggiosa di certi ripieghi che qualcuno solleva.

    Anche se a molti riesce difficile da comprendere occorre accettare il fatto che si possa anche non essere rappresentati dalla politica e contemporaneamente non si abbia più voglia di votare per compromessi. A me capita spesso…

    Passa un buon week end cara Tasti.

    Mi piace

  2. Giacomo said

    Beh, anch’io sono di sinistra, e molto, e se proprio devo prenderlo in quel posto, preferisco prenderlo da chi ho scelto io.
    Lungi da me l’idea di fare la lezioncina, ma anche quella di farmela fare, per cui: non volete andare a votare? Non fatelo. Ma almeno piantatela di rompere le palle sentendovi in dovere di dichiararlo continuamente.
    Eccazzo.
    (Mi scuso per l’intemperanza, di solito sono più contenuto).

    Buona gita fuori porta.

    Mi piace

  3. marcomkc said

    Non voglio convincerti a votare ma due riflessioni spero di poterle condividere con chi è arrabbiato come me con la sinistra che non sa ascoltare il popolo:
    1) Il voto a Di Pietro è un voto che sanziona il malaffare italiano. Puoi leggere la dichiarazione di Marco Travaglio qui
    http://www.antoniodipietro.com/2008/03/dichiarazioni_di_voto_marco_tr.html

    ed in particolare il pezzo che dice…
    2)
    penso che l’astensione – da cui sono stato a lungo tentato – finisca col fare il gioco della casta, anzi della cosca. Il non voto, anche se massiccio, non viene tenuto in minimo conto dalla partitocrazia: anche se gli elettori fossero tre in tutto, i partiti se li spartirebbero in percentuale per stabilire vincitori e vinti. E infischiandosene degli assenti, che alla fine hanno sempre torto. Dunque penso che si debba essere realisti, votando non il «meno peggio», ma ciò che si sente meno lontano dai propri desideri.

    A presto.
    Marco

    Mi piace

  4. tasti said

    @Demone…
    grazie
    🙂

    @Giacomo… come dicevo non devo avere grandi doti comunicative e il tuo intervento ne è la prova: questo post non è altro che un’incazzatura seguita all’ennesimo appello al voto da parte di amici che ritengono di avere verità assolute da elargire. Non faccio campagna per l’astensionismo perché ritengo che non si debba spingere al non voto o a azioni di protesta fine a sé stesse (leggi verbalizzazione ai seggi), non chiedo di comprendere la mia evidentemente incomprensibile scelta, ma vorrei che la si smettesse di credersi superiori per aver fatto la scelta politica giusta.
    Sono stufa, sinceramente stufa, di avere a che fare con gente che non rispetta le scelte altrui e mi riferisco a tutte le scelte. Chi vota il centro destra non è un immorale, chi vota il centro sinistra non è un idiota, chi vota sinistra non è un mangiabambini e se io non voto non sono priva di coscienza civica.
    Spero che si continui a discutere di politica e di scelte politiche anche dopo le elezioni, sopratutto.

    @Marcokc… ho riflettuto a lungo sul mio voto, non è una scelta facile e non faccio propaganda astensionistica.
    Di Pietro é in una coalizione, non sono una sostenitrice del PD.
    Il mio problema è che non capisco quale cambiamento pretendiamo ci possa essere continuando a votare per le forze politiche attuali. Non capisco perché un nuovo Governo di centro (non certo centro sinistra se parliano del PD-IdV-Radicali) dovrebbe essere differente dal Governo della legislazione appena conclusa, per altro nuovo Governo in cui la sinistra non partecipa.

    C’è un evidente conflitto di interessi riguardo IdV: è alleato con la cosca, la vedo dura che possa seriamente combatterla.

    A presto.

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: