8 settembre


… ad alcuni direi che mi dispiace, non so, è da mesi che non riesco a comunicare, che trascuro e sfuggo, non è mancanza di affetto… più un momento di immedesimazione con un albero, direi, era vero a Verona ed è molto più vero adesso: se tutto attorno è sconvolto dalla tempesta la necessità è quella di starsene fermi, immobili, come se un solo respiro fuori posto potesse determinare la catastrofe.

però sono felice quando guido la mia macchinetta su e giù per la valle, quando gioco con i nipoti, anche quando li accudisco sublimando il mio esagerato istinto materno… sono felice al primo caffé del mattino, di fronte al mare, con tutta una lunga e movimentata giornata davanti.

Sono felice, ci sono cose che spingono verso il dolore e non voglio parlarne e forse questo non voglio parlarne è metà del mio essere albero, l’altra metà non so, dovrei chiedere al quel bugiardo dell’inconscio!

So per certo che a far progetti non mi riesce mai niente, meglio lasciare perdere, la vita mi dà ampie soddisfazioni solo quando lascio perdere, quando è per caso, quando non lo avevo previsto, quando si crea un vortice improvviso e signori si parte! e chissà.

Annunci

2 commenti »

  1. Pepenero said

    Il primo caffè della giornata con il mare di fronte non è da tutti.

    Mi piace

  2. tasti said

    @pepenero… effettivamente…
    😉

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: