A proposito di Freemind


… lavoro: nuova avventura, nuovo settore, curriculum sempre al limite delle possibilità

ma va bene, va bene, va bene così.

anche perché o va bene così o tanto è lo stesso.

Se riesco anche a capire come funziona Freemind è fatta… di cosa parlo? mappe mentali, il programmino lo trovate qui, se vi interessa, le faq non lo so, le sto ancora cercando…. qui invece un tutorial

stamattina l’entusiasmo è rimasto a dormire, devo fare un tremiliardi di cose, papà di nuovo male, di nuovo sindacati e di nuovo medici, poi studiare e va bene studiare, è che se mi fermo un attimo a far bilanci mi vien la gastrite e allora non bilancio, scaccio il pensiero e mi iscrivo all’università, rinuncio alla prima mancata laurea e ricomincio da capo, una triennale, formatore multimediale e vaffanculo, tanto potrebbe esseri un lungo periodo di disoccupazione da coprire in qualche modo. E solo volontariato non va mica ben!

L’idea è quella di far un progettino didattico con freemind per la ragazza che seguo, ha necessità di imparare a concettualizzare, individuare le parole chiavi di un argomento, visualizzarne la progressione argomentativa… e farle capire che il pc non è solo chat.

La seguo ormai da diversi mesi e i progressi ci sono stati, è un caso pluriproblematico ma anche nel senso che la ragazza è vittima di diversi pregiudizi, di ignoranze, di supponenze. Le difficoltà sono di tipo oggettivo, vero, ma incidono in parte minima rispetto alla fatica che fa sta povera giovinetta per inserirsi in un contesto ostile.

Essere disabili in una società di superfighi? Brutta idea, davvero una pessima idea.

E’ che se ci pensiamo un attimo siamo tutti delle gran teste di cazzo.

Vado a studiare freemind.

n.b. sto cercando un nuovo tema ma wordpress, che pure è attentissimo all’accessibilità, non ha ancora capito che i colori dello sfondo non dovrebbero mai confondersi con quelli dei caratteri ché esistono persone con difficoltà visive …

caro Mr. WordPress come si fa a leggere il grigio chiaro sul bianco o il grigio scuro sul nero???? ricordi le lezioni sull’accessibilità? hai saltato qualche parte?

1 commento »

  1. Mariottola said

    ah amica mia! quanto ti leggo dietro queste righe, sempre e comunque. anche se intravedo delle luci che qualche mese fa, dal vivo, non vedevo…bello, così. bello crescere a distanza in un modo che renda gli amici curiosi di rivederti.
    più di questo, gioia mia, non posso dirti, se non di resistere, di aggrapparti forte e resistere, e so che per te questo verbo tutto vuol dire, tranne passività. a presto🙂

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Antonella semplicemente natura

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Assia La Rosa

Viola positivo

Cambiamenti

Davide Faraone

CompulsivaMente

Scrivere, per quieto vivere.

serafina e le altre

Serafina, Anna e i fortunati incontri

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

profumo di pasta di zucchero

Bomboniere e confetti personalizzati per ogni occasione

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: