Lingua Italiana dei Segni. La forma scritta


La Lingua Italiana dei Segni non ha una forma scritta.

Che è un po’ come l’assunto "L’assistente alla comunicazione non si occupa di didattica"

Bravi, Bene.

Peccato che poi ci siano ragazzi segnanti che scrivono in LIS e assistenti alla comunicazione che si occupano eccome di didattica.

Ma a noi interessano gli assunti, non indagare nella quotidianità.

I linguisti fanno il loro lavoro di linguisti ed essendo riusciti da pochi decenni a comprendere che la LIS è una lingua facciamo che è solo una lingua visivo gestuale, scrivere no, se la vuoi scrivere devi tornare all’iconografia tipo egizi.

Perché la forma segnata della LIS è estremamente ricca di componenti non verbali, impossibile riportarli per iscritto.

Immagino qualcuno dicesse lo stesso quando si passò dalla tradizione orale alla forma scritta. Me li sento nelle orecchie: L’eneide scritta? che schifo! vuoi mettere l’impersonificazione, la fabulazione, il viso, gli occhi, l’espressione di chi racconta!

Infatti abbiamo sviluppato diverse tipologie di possibilità espressive in forma scritte, abbiamo linguaggi, il testo teatrale, il romanzo, lo stile giornalistico ecc ecc ecc

Sbarri gli occhi e esprimi stupore esclamando con il corpo leggermente indietro "mio dio!" – emozione paura.

Stringi gli occhi e esprimi forza trattenuta con il corpo teso in energie contrastanti esclamando "mio dio!" –  emozione tenetemi o lo ammazzo

Certo che se avessimo dovuto scrivere in questo modo non sarebbe stato un bello scrivere.

La lingua Italiana dei Segni ha quest’aggettivo al centro: Italiana, perché il lessico utilizzato è italiano ed il segno è dei sordi italiani.

A me questo sembra una base interessante, abbiamo lo stesso lessico… lo sfruttiamo o facciamo finta che l’aggettivo italiano dica la cittadinanza e null’altro?

Il problema quel è?

Ai ragazzi sordi stanno insegnando che la LIS non si può scrivere, si scrive in Italiano, idiota, se scrivi usando la struttura della Lingua che utilizzi… no, no, no, stai scrivendo un italiano povero.

Fior di linguisti, mica ignoranti come me!

Consegue che al ragazzo sordo deve essere videocamera dotato, lui non scrive, mai, lui segna. Se scrive e non è bilingue chiede scusa, SA che scrive italiano povero.

Il problema è che se i ragazzi sordi scrivessero nella loro lingua cadrebbero alcune certezze, tipo il mondo è rotondo e il sordo non sa scrivere se è segnante. E che cazzo! Ancora non siamo sicurisicuri che tu sia intelligente adesso ti diamo persino una penna in mano!

Peccato perché ci sono sordi segnanti che  scrivono sms in LIS, ed io li capisco…  loro capiscono un po’ meno la mia LIS scritta ma hanno ragione, è come chiedere ad un inglese di capire il mio inglese scritto…

Peccato perché ci sono studenti sordi che si disperano, possono segnare le lezioni ma devono scrivere in Italiano, un bilinguismo di tipo misto, parla con una lingua e scrivi con un altra. Con padronanza, occhio, che nessuno faccia il furbo e si permetta di invertire le cose.

Tipo cervello separato in due.

Provateci voi a parlare con una lingua e scrivere con un altra! 

Appello ai ragazzi sordi segnanti: scrivete come parlate! E’ la vostra lingua, non fatevi infinocchiare ancora!

2 commenti »

  1. gennaro said

    Complimenti per l’arguzia….solo che i sordi….non capiscono…pardon, parlo dei sordi che parlano in LIS. Non c’è un sordo….che sa parlare e scrivere come un udente…..che sia d’accordo sulla LIS come giustamente nn sono d’accordo quelli della FIADDA. Sapete che se và avanti lo sforzo della FIADDA per gli impianti cocleare l’ENS….rischia di sparire? Ovvero…..rimarrebbero quattro gatti….che non….permettetimi di non arrivare fino in fondo nello scrivere. Grazie

    Mi piace

  2. tasti said

    @Gennaro… grazie a te per i complimenti🙂
    Forse l’ENS riesce a sparire senza bisogno che l’aiuti la FIADDA: mi sembra che Ida Collu sia stata bravissima a danneggiare l’Ente.
    Per l’impianto cocleare… anche quando si inventò la logopedia si pensava che la lingua dei segni sarebbe morta, che era inutile e invece… mi sembra sia più viva che mai! Ed è una bellissima, bellissiama lingua.

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Antonella semplicemente natura

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Assia La Rosa

Viola positivo

Cambiamenti

Davide Faraone

CompulsivaMente

Scrivere, per quieto vivere.

serafina e le altre

Serafina, Anna e i fortunati incontri

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

profumo di pasta di zucchero

Dolci, bomboniere e confetti personalizzati per ogni occasione

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: