Lingua dei Segni – nuove audizioni


Convocazione della XII Commissione
(Affari sociali)
Martedì 24 maggio 2011

Ore 12.30 AUDIZIONI INFORMALI (Sala del Mappamondo)
Audizione di rappresentati dell’Ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi (ENS), delle Famiglie italiane associate per la difesa dei diritti degli audiolesi (FIADDA), del Comitato nazionale di genitori, famigliari e giovani audiolesi, dell’Associazione sordi “Antonio Provolo” onlus, dell’Associazione nazionale interpreti di lingua dei segni italiana (ANIMU), dell’Associazione interpreti di lingua dei segni italiana (ANIOS) e dell’Istituto statale di istruzione specializzata per sordi (ISISS), nell’ambito dell’esame delle proposte di legge C. 4207 approvata, in un testo unificato, dalla 1ª Commissione permanente del Senato, C. 286 Sereni, C. 351 De Poli, C. 941 D’Ippolito Vitale, C. 1088 Romano, C. 2342 Lorenzin, C. 2528 Rampelli, C. 2734 Carlucci e C. 3490 Miglioli, recanti “Disposizioni per la promozione della piena partecipazione delle persone sorde alla vita collettiva e riconoscimento della lingua dei segni italiana”

11 commenti »

  1. Pietro said

    A mio modesto avviso, il ddl C4207 sulla LIS, così com’è non va bene. In particolare, occorre specificare meglio cosa si intenda per LIS. Sembra, infatti, leggendo il testo del ddl, che si dia per scontato cosa sia la LIS, che rappresenta il principale oggetto del ddl e, quindi, andrebbe meglio messo a fuoco.
    In secondo luogo, occorrerebbe limitare il riferimento della LIS ai cosiddetti sordi “segnanti”. Ciò, secondo me, è
    opportuno per evitare che si instauri il pregiudizio che tutti i sordi siano uguali e utilizzino la LIS.
    In realtà, sappiamo bene che così non è, che in Italia tantissimi sordi
    si esprimono verbalmente, in maniera più o meno comprensibile e, comunque, la loro lingua acquisita è
    la lingua italiana corrente o, comunque, ignorano la LIS.

    Mi piace

  2. Gregorio said

    Queste sono osservazioni puntuali e ragionevoli. Perché la maggior parte della gente si esprime con frasi come “La LIS non è una lingua. Punto.” o “Noi non vogliamo essere obbligati a usare i gesti!” ?

    Mi piace

  3. tasti said

    @Pietro… a mio modesto avviso così potrebbe anche andare bene se si volesse dare riconoscimento alla comunità sorda ed essere in regola con l’Europa e l’ONU.
    Per comprendere cosa sia la LIS si rimanda infatti alle lingue regionali o minoritarie, senza equivoco alcuno.

    La diatriba tra sordi oralisti e sordi segnanti è veramente uno strazio, credo che però si potrebbe trovare una soluzione: che i sordi oralisti rinuncino allo status di sordo e si accontentino dello status di invalido o disabile ai sensi della legge 104. Disabile sensoriale dell’udito da un lato. Sordo dall’altro lato. E finalmente la chiudiamo una volta per tutte!😉

    Mi piace

  4. Gregorio said

    Be’ attenzione: a quanto pare alle audizioni di martedì è saltato fuori che la legge dovrebbe chiamarsi “Disposizioni per la promozione della piena partecipazione delle persone sorde alla vita collettiva” e stop. Il riconoscimento della LIS dovrebbe passare alla Commissione Cultura.
    Che ne pensate?

    Mi piace

  5. tasti said

    @Gregorio… stando a quando leggo su internet una proposta di legge dovrebbe essere approvata dalle due camere con lo stesso testo, altrimenti si finisce nella “navetta”, il palleggiamento da una camera all’altra. Stando a ciò
    – dividere il testo in due tronconi significa di fatto non riconoscere il testo approvato al Senato. Quindi si può dividere in due ma entrambi i nuovi testi tornano al Senato (che aveva faticato parecchio per un testo unificato!).
    – eliminare dal titolo “e riconoscimento della lingua dei segni” mantenendo inalterato i contenuti della PdL significa da un lato prendersi in giro dall’altro non riconoscere il PdL approvato dal Senato. Quindi navetta.

    Non capisco cosa significa che il riconoscimento della LIS dovrebbe passare alla Commissione Cultura. Se intendi che occorre il parere della Commissione Cultura è un discorso, se intendi che la PdL passa alla Commissione Cultura temo significhi che questo testo verrà bocciato. E la Commissione Cultura può presentare un altra PdL.
    😦

    Mi piace

  6. Gregorio said

    Sì esatto, se la commissione decide di dividere la legge si ricomincia tutto daccapo…

    Mi piace

  7. bem vindo visitar site Brasil para Surdos e Libras
    abraço
    antonio

    Mi piace

  8. tasti said

    obrigado por ter vindo até aqui!
    o site é muito interessante,
    abraços e beijos!!!😀

    (grazie anche a google traduttore ehehehe)
    (graças ao Google Tradutor eheheh)😉

    Mi piace

  9. Pietro said

    Non capisco perché chi non condivide o non utilizza la LIS, seppure sia sordo, non debba essere considerato sordo ma invalido o disabile. Non sono d’accordo sull’equazione sordo=LIS, perché è un’equazione falsa, non rispondente al vero. Non esiste una sola comunità di sordi, ma ne esistono diverse, sordi segnanti (LIS), sordi oralisti, sordi bilinguisti, sordi protesizzati, sordi impiantati… Il DDL va necessariamente modificato, suo malgrado, anche perché contiene un improrpio richiamo dell’art. 6 della Costituzione, sulle minoranze linguistiche. In diritto costituzionale italiano, per minoranze linguistiche si intendono determinate popolazioni con storia, tradizioni, cultura, lingua carrateristiche, diverse da quelle italiane e stanziate su determinate porzioni del territorio italiano, come i ladini, i valdostani, i sardi, i sudtirolesi. Come ha spiegato bene il prof. Nocera, se il DDL Lis venisse approvato così com’è, a breve molto probabilmente verrebbe dichiarato incostituzionale dalla Corte Costituzionale e, quindi, si dovrebbe ripartire da zero. Non credo convenga

    Mi piace

  10. Raoul said

    Condivido Pietro. Ci vorrebbe il buonsenso.

    Mi piace

  11. tasti said

    @Pietro…
    non sono d’accordo con Nocera. Di conseguenza non sono d’accordo con te.
    Ho già spiegato abbandantemente la mia posizione ed il mio punto di vista e temo che non ci incontreremo a metà strada.
    Inutile ricordarti ONU e Europa. Ne abbiamo già detto. Ci sono anche strutture sovrannazionali e le ratifiche dei protocolli non obbligatori alle volte meglio evitare di farle se non si ha poi intenzione di adempiere agli impegni assunti.
    Le Lingue dei Segni godono già a livello internazionale del carattere della non territorialità, occorrerà prenderne atto.

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Antonella semplicemente natura

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Assia La Rosa

Viola positivo

Cambiamenti

Davide Faraone

CompulsivaMente

Scrivere, per quieto vivere.

serafina e le altre

Serafina, Anna e i fortunati incontri

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

profumo di pasta di zucchero

Dolci, bomboniere e confetti personalizzati per ogni occasione

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: