Switched at Birth…. all’italiana.


Sono basita. E non essendo mia abitudine basirmi (e tantomento usare questa espressione) la cosa è veramente anomala.

Nel senso che effettivamente è la prima volta che seguo in diretta dagli U.S.A. una serie televisiva (con tanto di strategia per trovare gli episodi in lingua originale e poi aspettare i sottotitoli in italiano) prima volta dunque che noto come si stravolgano le cose che hanno l’Atlantico nel mezzo. Perché la colpa dev’essere dell’Atlantico, s’è messo lì, in mezzo,  e vuoi che qui arrivino le cose tali e quali come le hanno ideate e realizzate lì? Sia mai.

Ora, chiunque sia arrivato qui cercando notizie utili… no, puoi andar via subito, non ho intenzione di darne. Egoismo? No. Mi deve prima passare. Nessuna intenzione di andare a colmare le lacune degli idioti che stanno trasmettendo e straparlando di questa serie: vedetevela. No, non dico a chi povero udente s’è già appassionato, mi spiace per te ma di certo saprai cavartela, naviga, cerca, trova. Cosa? Ecco, cerca se hai voglia di cercare e magari qualcosa la trovi. E non dico nemmeno a te, povero sordo, che hai sperato di trovare qui la sensibilità giusta per darti una mano a seguire una serie televisiva che, lasciandoci basiti, ti impediscono di seguire. Povero sordo e povero udente. In una parola povero telespettatore privato del giusto diritto di comprendere ciò che sta, o vorrebbe, godere: una serie televisiva.

Una qualunque?. No. Una serie televisiva che infrange un tabù, che prende posizione, che fa discutere (oltre Atlantico) perché qui, negli articoletti di presentazione sfugge il dettaglio, al meglio si accenna appena a un problema di … sordità, mi sembra… o qualcosa del genere.

Ma anche andarci a quel paese, ogni tanto.

Perché a volerla dire si tratterebbe di una serie che potrebbe far sobbalzare qualcuno, in Italia.

E perché andarci con le dita negli occhi? Meglio non dirla.

Facciamo che non non lo sapevamo. Non mettiamo i sottotitoli a prova provata che noi non lo sapevamo e vai, magari passa senza che se ne accorga nessuno.

Idea malefica: e se qualcuno informasse gli yankee?  Com’è che si scrive “sottotitoli” in inglese?

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Antonella semplicemente natura

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Assia La Rosa

Viola positivo

Cambiamenti

Davide Faraone

CompulsivaMente

Scrivere, per quieto vivere.

serafina e le altre

Serafina, Anna e i fortunati incontri

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

profumo di pasta di zucchero

Bomboniere e confetti personalizzati per ogni occasione

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: