Biscottoterapia


Mi censuro.

Necessario.

E’ Natale, siete tutti più buoni e a me vien voglia di mandare un paio di ‘fanculo per aria e vedere quando cadono chi vanno a colpire. Se lo meriterebbero in tanti, non rischio di colpire innocenti.

Quindi preparo biscotti, non più come piacevolezza per un incontro pomeridiano. Sono arrivata alle produzioni semiindustriali.

Ho scoperto che sono procedimenti abbastanza lunghi, non snervanti però, anzi, con uno straordinario effetto calmante… saranno gli aromi: vanilline, cannelle, agrumi… e la cosa migliore e che poi, a prodotto finito… non ne mangio. Li assaggio giusto per capire se è riuscito, se è un sapore equilibrato, se non sarebbe diverso mettendo più, meno, aggiungendo, togliendo… invece li regalo ai nipoti che sono gli unici bipedi, al momento, che ritengo degni delle mie attenzioni più sincere.

Ho scoperto un mondo, un mondo fatto di bontà in piccole dosi, mi ero sempre e solo dedicata a torte, creme, pasticci e impasti. Mi sembrava molto facile comprarli, i biscotti. Evidentemente non avevo ancora toccato il fondo.

Non potendo più disporre della mia ritrovata vita causa allungamento della vita altrui, miglioramento della medicina che rende tutti vivi ma malati, bisognosi di cure e affetto, di sostegno e di conforto… preparo biscotti.

Che poi… disporre della propria vita… che significa? Se non appunto avere relazioni, creare reti di affetti, essere interdipendenti… si sceglie se pensare a sé e andare lontani o fermarsi, costruire legami.

In ogni caso, non avendo sempre la risposta pronta ai quesiti esistenziali che mi tormentano di fronte all’ennesima malattia di famiglia… preparo dolci biscotti.

Frolle latte e burro, frolle all’olio d’oliva, frolle d’arancia, cantuccini, ricciolini, cuoricini, mandorle, noci, marmellate, canditi, gelatine, bagni di cioccolato, spennellate di glasse…. è una vera goduria. E tutto lo stress ti abbandona, disperso dalla leggerezza che ti rimanda l’assaporare un unico piccolo biscotto.

Altamente consigliato per chiunque vive stati di tensione frammisti a momenti di furioso odio contro chi si ama… farina, burro, zucchero a velo, uova. Impastare il tutto, munirsi di formine. Infornare con amore. Per i biscotti, se non altro.

 biscottoterapia

 

6 commenti »

  1. Questo post è quasi profumoso… m’è venuta l’acquolina alla parola “cantuccini”!

    Mi piace

  2. tasti said

    @Karma… sì, ho capito, ma non era necessario massacrarmi così e farmi girare da una parte all’altra… mi sa che mi stai facendo i dispetti perché non ti ho invitato per il tè… ma per il tè non si va da Godot o sbaglio?? Io preparo cantuccini…. aspettando Godot😉

    Mi piace

  3. Eh ma cara Tasti, anche il Liga dice che le donne vogliono sentir girar la testa…:mrgreen: …se aspettiamo troppo miss Godot mi sa che si fredda pure il tè! Quella sfaticata senza-pc non vuole riattaccare a scrivere sul blog ancora…🙂

    Mi piace

  4. tasti said

    @Karma… le donne, Karma, le donne… NON LE ZIETTE👿 CHE ANDREBBERO INVECE COCCOLATE!!!! Ok… siamo a quota due: salutami kalika e Godot… e già che ci sei anche Nuvole Pensierose… e biscotti senza tè fintanto che non ce lo prepara Godot!

    Mi piace

  5. Godot said

    Ho messo su il tea!

    Mi piace

  6. tasti said

    @godooooooot… ma che felicità!!! vado a sfornare i biscotti!!!

    Mi piace

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Antonella semplicemente natura

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Assia La Rosa

Viola positivo

Cambiamenti

Davide Faraone

CompulsivaMente

Scrivere, per quieto vivere.

serafina e le altre

Serafina, Anna e i fortunati incontri

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

profumo di pasta di zucchero

Dolci, bomboniere e confetti personalizzati per ogni occasione

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: