Ma non son cose da Facebook…


Stamattina tra i mei contatti qualcuno si è svegliato così… sensazioni_ne di getto io ho scritto la risposta… “… così strana la vita… io invece vorrei poter uscire di casa, ma è una casa piena di gente che va e che non ci lascia soli, in questo momento di grandissima difficoltà e fatica. Eppure… nonostante tutto l’amore e la comprensione vorrei andare fuori, passeggiare sulla riva del mare, raccogliere fiori sulle colline, ma anche semplicemente immergermi nella folla anonima della città! Io sto aiutando, sto dando forza, sto spremendo ogni mia singola goccia di energia per dare a chi sta male e vorrei poter passeggiare al chiaro di luna, di nuovo; non sono stanca (fisicamente sono proprio distrutta, qualcosa oltre la stanchezza) ma moralmente ho solo una grande nostalgia, dentro, ben celata, la nostalgia di una vita che per il momento non posso vivere…. ma sai una cosa? sorrido lo stesso. Perché ho una sola strada, un unica direzione e posso camminare piangendo o sorridendo. Io sorrido. E qualcosa cambia. Non dimenticarlo mai, di sorridere a te stessa. Un abbraccio”

Certo, per me però è facile… io non sono dolorante, io non vado in giro per ospedali per me… io giro gli ospedali per chi vive con me. Per altro gente anziana, al momento (son andata in giro anche per gente giovane ed è peggio, garantito, per gli anziani in qualche modo si sa… ) 

Ma è facebook, signori!!! Su facebook non ci si può mica mettere a raccontare sul serio le proprie cose… o PEGGIO!!! … utilizzare la bacheca altrui per raccontare di sé.

Per questo genere di cose esiste il Blog. Il mio Blog. Nel mio blog lo posso dire che assistere mia nonna e mio padre mi sta fisicamente demolendo.  Non è tanto il logorio mentale, no, a quello reagisco. E’ propio una questione fisica, lo sforzo muscolare quando devi sollevare di peso qualcuno per cambiarlo, lavarlo, rivestirlo. E quando non ci sono più notti per dormire. A me poi son sempre state sufficienti 4-5 ore di sonno, non è che sia una che necessita delle 8 ore… ma non avere nemeno due ore di sonno di seguito… alla lunga ti trasformano in uno zombie degno del cast delle cronache del ghiaccio… certo fossi dimagrita invece che ingrassata avrei potuto considerare tale carriera cinematografica… ma uno zombie cicciottelllo non credo si sia mai visto… non sullo schermo almeno.

Non avete idea di quanta gente mi chieda di dimagrire… ma evidentemente non capiscono quanto sia consolante un panino notturno quando devi restare sveglia. Panini e ebook fantasy ed anche una lunga notte di veglia si trasforma in un momento di coccole.

Le badanti? abbiamo provato, carine le badanti. Non tutte certo, solo quelle che abbiamo trovato noi. Le badanti sono quelle professioniste che ti dicono cosa devi fare con il tuo ammalato. Praticamente sergenti che invece di darti una mano ti ordinano di fare meglio quello che fai ogni giorno. Tu resti basita a chiederti perché stai pagando una persona che invece di sollevarti dalle incombenze non solo te le aumenta, ma ti giudica anche un essere immondo  che trascura i propri doveri….

Avete presente la Tata (sì, quella che non fa la baby sitter, quella che va nelle famiglie e le massacra, le fa piangere, le fa sentire inadeguate, incapaci, insensibili e forse insalvabili) ecco, le due badanti di cui ho esperienza si sono comportate così. Io avrei preferito semplicemente una sostituzione al momento del cambio pannoloni ma no, avevano mal di schiena, loro.

Il mio grazie più sentito va a chi condivide libri in pdf e film gratuitamente, ma quelli leggeri leggeri, fantasy e commedie da disney channel che quando il fisico è stanco il cervello non regge.

Va bé… quest’ultima è una bugia, in realtà continuo la mia forsennata e gratuita attività intellettuale diurna, ma dire che di giorno leggo classici greci e la critica letteraria su di essi non è simpatico come dire che di notte poi sciacquo neuroni nel fantasy!😀

No, il commento poi non l’ho inviato, ho messo un banale mi piace e mi sono rifuggiata qui.

7 commenti »

  1. Commentarti sarebbe banale, in poche righe hai snocciolato davvero tutto. Un abbraccio, sentito. ☺️

    Mi piace

  2. tasti said

    @semprecarla… ed io di abbracci son ghiotta!!! grazie!!! stringo forte!!!😉

    Mi piace

  3. Mauro said

    Vorrei trovare la forza per tirare fuori anch’io quel sorriso mentre si passa la propria vita in aiuto a qualcun altro. In quel senso a me non viene né da piangere né da ridere, solo una zombica assenza mentale e fisica…ma tiro avanti.

    Mi piace

  4. tasti said

    @Mauro… non so come si fa a trovare sorrisi… però so cosa vol dire non averne. Io semplicemente me lo impongo. C’è quel posto profondo dove nemmeno l’amore più grande ha accesso, quel posto dove io sono con me, occhi negli occhi, senza alibi, senza bugie. Bè… io lì ricordo sempre di raccontarmi qualche cosa di divertente. Di farmi ridere. Di vedere l’aspetto idiota di me e… riderne. Poi tiro avanti ricordandomi che non me lo ha imposto nessuno e che sono sempre libera di andar via. Il fatto è… che sono dove voglio essere. Magari non sempre… il più delle volte. Quasi.😉

    Mi piace

  5. Time Out said

    Buongiorno a tutti, sono nuova del blog , sto cercando informazioni per mio fratello di 27 anni, affetto da 6 anni da aderenze addominali, operato due volte. Entra ed esce dall’ospedale continuamente senza mai risolvere la patologia, solo flebo per “attenuare” il dolore, che non passa mai…Noi siamo di Lucca, vorrei sapere se qualcuno è a conoscenza di qualche cura risolutiva, di un nominativo di qualche specialista, di una clinica od ospedale che trattino questo problema.
    Vi ringrazio tantissimo per tutte le informazioni che vorrete darmi.
    Saluti,
    Monia

    Mi piace

  6. tasti said

    @time out… ciao e benvenuta. per le aderenze devi riscrivere nel post https://tasti.wordpress.com/2008/08/04/aderenze-post-chirurgiche/ (fai anche copia e incolla, ti rispondo di là…. giusto per non disperdere l’argomento)
    abbiamo aperto anche il gruppo facebook, così da essere più operativi. Se vuoi puoi iscriverti al https://www.facebook.com/groups/1409175889406450/

    Mi piace

  7. Time Out said

    Grazie mille, vi raggiungo su fb allora!!!

    Liked by 1 persona

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Antonella semplicemente natura

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Assia La Rosa

Viola positivo

Cambiamenti

Davide Faraone

CompulsivaMente

Scrivere, per quieto vivere.

serafina e le altre

Serafina, Anna e i fortunati incontri

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

profumo di pasta di zucchero

Dolci, bomboniere e confetti personalizzati per ogni occasione

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: