Sartoria su misura


Il confronto è serrato. Ben venga, direte, ben venga, dico. Però deve fare piccoli passi in una qualunque direzione, lui, il confronto serrato. Perché altrimenti significa attestarsi sulle proprie posizioni. Così è. Io sono attestata. Mollo se capisco che posso fare un passo, poi mi schiacciano il piede urlando: hai ceduto, non sei sicura! e allora torno indietro. Mi attesto.

Capisco che è idiota. L’andamento. Ma un poco anche l’interlocutore, devo ammettere. No, non perché non condivida, ma perché appunto non fa diventare il confronto arricchimento reciproco. Non è per vincere una gara di dialettica. Si cercano soluzioni. Che possibilmente non siano abiti di gran sartoria che, per loro natura, sono piuttosto… soggettivi. Basta un centimetro ed è il disastro. Se il problema è collettivo la soluzione dev’essere un bell’indumento da magazzini generali. Solo tre misure: S, M, L. Guarda ti potrei concedere come eccezioni una XS e una XL. Ben 5 soluzioni. Devi entrarci anche tu in ben 5 soluzioni. Non stiamo parlando di abiti su misura, no?

Perché altrimenti finisce come la sinistra italiana che per ciascuno che si sveglia la mattina ha una valenza diversa. E c’hanno creato problemi non da niente a convincerci che la nuova sinistra progressista doveva contenere tutti. E mica gli stessi che c’hanno creato traumi adesso si devono lamentare che la sinistra progressista contiene tutti… o no? No? E va bene, tanto io di sinistra di sicuro non lo sono più da anni. Manco di destra, lo so, ma di sinistra no. Ero comunista, io. Poi ho provato a stare a sinistra ma niente, non è più la classe operaia ed io invece sono ancora la classe operaia. Ma non ho perdite di senso, mi sento solo molto sola, ma fa lo stesso, nelle classi ai margini si è comunque sempre con questa sensazione di solitudine. Tanto la rivoluzione non la fa più nessuno, nemmeno Lotta Comunista, figurati la classe operaia precarizzata. Il confronto, per altro, lì non è nemmeno serrato.

Poi dicono che ti butti… ma manco quello, ormai.

Cerchiamole ‘ste soluzioni da magazzini generali e proviamo a starci tutti dentro, non sarà gran sartoria ma almeno… non resta nessuno fuori.

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Antonella semplicemente natura

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

vagone idiota

Spesso un treno é un teatro mobile.

Assia La Rosa

Viola positivo

Cambiamenti

Davide Faraone

CompulsivaMente

Scrivere, per quieto vivere.

serafina e le altre

Serafina, Anna e i fortunati incontri

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

profumo di pasta di zucchero

Dolci, bomboniere e confetti personalizzati per ogni occasione

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: