Archive for lievito madre

E adesso spaccio


Succede che dall’idea di uno si diffonda una moda, niente di insolito, funziona così da secoli.

La  moda in questione ha delle regole: devi fare adepti, collaborare, condividere informazioni e mostrare i risultati e non per mera esibizione dei proprio successi, ma per poter aiutare altri a perfezionarsi.

Di che parliamo? Di lievito madre.

La regola fondamentale è che il lievito madre si regala.

Ora, se voi non frequentate non avete proprio idea del rapporto che si instaura tra lievito e proprietario dello stesso.

E’ ammmmore.

Quindi no, non si vende, perché mai si venderebbe qualcosa che si ama: il tuo lievito, se lo ami… lo regali.

E cosa ci fai col lievito madre?

 

Fondamentalmente lo curi e lo coccoli, come controindicazione c’è il dover panificare per tutta la famiglia almeno una volta a settimana.

E mangi pane che è pane e pizza che è pizza.

Il lievito madre si differenzia dal lievito di birra innanzitutto per la composizione, infatti oltre ai funghi (saccaromiceti) del lievito di birra contiene batteri lattici (lactobacilli e streptococchi che aiutano la digestione, per capirci.

Quindi addio al gonfiore e al brutto sapore dei miglioratori della panificazione moderna.

Altra importante differenza è il tempo: il lievito madre è slow, molto slow foood.

La preparazione di una buona pagnotta di pane in totale impiega da due a tre giorni ed include un rituale che nemmeno i maestri del tè si sono mai sognati.

Conciliabilissimo però con i tempi delle donne moderne perché il frigorifero consente di gestire, persino comodamente, il rituale.

 

 

 

 

 

 

 

Per maggiori informazioni un’articolo

o il gruppo Facebook Gruppo la Pasta Madre

Se volete partecipare basta che cercate uno spacciatore nella vostra zona e sarete adottati anche voi da noi fissati col lievito madre.

Buon pane a tutti!

Annunci

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: